Basta solo 1 ingrediente e pochi minuti per ottenere una panatura leggera e croccante come quella degli chef e non è il classico pangrattato

Una classica preparazione che permette di dare più sapore e croccantezza a carne, pesce e verdure. Adatta sia alle preparazioni al forno, che a quelle fritte. Parliamo della panatura, quel procedimento che permette di rivestire il cibo con uno strato di pangrattato.

La panatura classica

Abbiamo due tipi di panatura. Quella classica con pangrattato e uovo e quella con l’aggiunta di farina. In quest’ultima preparazione il cibo deve essere panato rispettando rigorosamente questi tre passaggi.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
La nuova friggitrice ad aria che amerai: zero odori, zero schizzi

SCOPRI IL PREZZO

Oil free

Passiamo l’alimento nella farina che serve a far aderire l’uovo precedentemente sbattuto e condito con un pizzico di sale.

Per ultimo il passaggio nel pangrattato, facendo attenzione a ricoprire entrambi i lati della pietanza. In alternativa alla classica farina possiamo utilizzare la farina di riso o quella di mais.

Per conferire ancora più sapore, possiamo procedere a una doppia panatura. Cioè ripassare ancora una volta l’alimento nell’uovo e nel pangrattato.

Il pangrattato è un ingrediente fondamentale. Facilissimo da realizzare in casa. Basta solo del pane raffermo che andremo tritare in un mix ad alta velocità. Per insaporirlo, possiamo aggiungere anche delle erbe aromatiche.

Un’alterativa che ha il sapore dell’Oriente

Basta solo 1 ingrediente e pochi minuti per ottenere una panatura leggera e croccante come quella degli chef e non è il classico pangrattato.

Una panatura che ha origini lontane, ma molto utilizzata in Italia. Parliamo del panko, un tipico pangrattato giapponese.

Soffici fiocchi dal colore bianco, leggeri e croccanti. Adatto per le preparazioni di fritti, che risulteranno leggerissimi. Infatti il panko non frigge ma ingloba aria, facendo scivolare l’olio in eccesso.

Si prepara molto velocemente, tritando il pane bianco (quello dei tramezzini), prima tostato in forno. Facciamo attenzione, perché non deve avere la consistenza polverosa del pangrattato classico. Ma deve essere tritato più grossolanamente.

Ecco che ora possiamo sbizzarrirci con ogni tipo di preparazione, dalla cotoletta alla tempura giapponese.

Basta solo 1 ingrediente e pochi minuti per ottenere una panatura leggera e croccante come quella degli chef e non è il classico pangrattato.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te