Basta guardarsi bene allo specchio per scegliere l’allenamento che funziona al 100%

Di allenamenti validi ne esistono davvero tanti, ma sono tutti funzionali per il nostro corpo? La risposta è no. Ogni corpo reagisce solo agli sforzi che sono adatti a lui. Quindi, prima di iscriversi in palestra e sudare per ore senza vedere alcun risultato, è importante capire che tipo di corpo abbiamo. Solo così capiremo anche a quali esercizi affidarci per renderlo più snello, muscoloso, tonico o atletico. Per capire tutto ciò non servono invasivi esami medici o costose consulenze dal personal trainer. Basta guardarsi bene allo specchio per scegliere l’allenamento che funziona al 100% sul nostro corpo. Vediamo come nei prossimi paragrafi.

Cosa sono i somatotipi

I somatotipi sono categorie corporee introdotte dall’antropologo William Sheldon nel 1940. Lo studioso americano divideva i corpi umani in tre tipologie principali, chiamate appunto somatotipi. I tre tipi di corporatura sono: ectomorfa, mesomorfa ed endomorfa. Ognuna ha le sue caratteristiche fisiche, facilmente riscontrabili ad occhio nudo.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

L’ectomorfo è magro, ha fianchi e spalle strette, gambe e braccia snelle e fatica ad ingrassare. Il mesomorfo ha gambe forti, spalle larghe ma vita stretta. L’endomorfo infine ha una forma più tondeggiante, braccia e gambe robuste e una vita larga. Inoltre, quest’ultimo sarà più predisposto a metter su qualche chilo di troppo.

Ciascuno di noi rientra in una delle suddette categorie. Una volta scoperta, possiamo scegliere l’allenamento più azzeccato per il nostro corpo, quello che ci ripagherà di tutta la fatica.

Basta guardarsi bene allo specchio per scegliere l’allenamento che funziona al 100%

Un semplice trucco per capire qual è il nostro somatotipo è il seguente. Mettiamoci davanti allo specchio indossando solo la biancheria e prendiamo come punti di riferimento le spalle e le anche. Ora uniamo tra loro con delle linee immaginarie le spalle e le anche. Se la figura che ne viene fuori è un rettangolo alto e stretto, siamo ectomorfi. Se ne viene fuori un trapezio con la base superiore molto più lunga dell’inferiore, siamo mesomorfi. Se ne viene fuori un quadrato, siamo endomorfi.

L’allenamento perfetto per l’ectomorfo è un allenamento di bodybuilding a carichi pesanti. Un allenamento del genere richiede lunghe pause tra una serie e l’altra (2-3 minuti) e di concentrarsi su massimo due gruppi muscolari ogni seduta.

Il mesomorfo invece ha bisogno di variare stimoli, combinando allenamenti di pesistica con allenamenti a corpo libero e cardio (massimo 30 minuti). Ottima per questi soggetti è la pratica del crossfit.

Infine, l’endomorfo fa bene ad allenarsi a corpo libero o con carichi moderati. Ottime per lui sono le attività aerobiche non troppo invasive, come il nuoto, la camminata veloce e il ciclismo

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te