Banche: a gennaio calano le sofferenze

ROMA (Reuters) – I prestiti delle banche italiane alle famiglie e alle imprese sono saliti dell’1,9% annuo a febbraio, proseguendo il trend positivo che dura da due anni, mentre le sofferenze nette di gennaio sono in calo a 59,3 miliardi dai 64,1 miliardi del mese precedente. In tredici mesi si sono ridotte di oltre 30%.

Lo dice l’ultimo rapporto dell’Abi, l’associazione delle banche italiane.

Dai dati aggiornati a gennaio 2018, si conferma anche la crescita del mercato dei mutui, in incremento annuo del 3,2%.

Le sofferenze nette a gennaio 2018, scese a 59,3 miliardi, hanno registrato in tredici mesi una riduzione di oltre 30%, segnala l’Abi, raffrontandole con gli 86,8 miliardi di fine 2016.

Restano sui minimi i tassi praticati alla clientela. Quello medio sui prestiti a febbraio è attestato al 2,69%. Il tasso medio per le nuove operazioni di acquisto di abitazioni all’1,89% e quello medio per i nuovi finanziamenti alle imprese, all’1,65%.

I depositi (conto corrente, certificati di deposito, pronti contro termine) sono aumentati, a fine febbraio di circa 70 miliardi di euro rispetto a un anno prima (+5,1% su base annuale), mentre è sempre in calo la raccolta a medio e lungo termine, tramite obbligazioni, per quasi 69 miliardi di euro negli ultimi 12 mesi (-20,7%). Il saldo di queste due componenti determina a gennaio una crescita marginale quasi nulla (+0,04%) su base annua.

Banche: a gennaio calano le sofferenze ultima modifica: 2018-03-20T16:25:35+00:00 da redazione
Le Fonti TV - Segui la diretta

Le Fonti TV

Scarica il report gratuito!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il report di 86 pagine con l'outlook per il 2018

La tua privacy è tutelata al 100% secondo il D.L. 196/2003.
In qualsiasi momento potrai cancellarti dalla lista.