Azioni italiane: torna la fiducia su due titoli

Un ritracciamento in atto? Di sicuro Piazza Affari è in calo. Ma c’è ancora fiducia sul sistema Italia e su due azioni italiane in particolare.

La questione politica

Al giro di boa della mattinata il Ftse Mib perdeva l’1,54%. Sul banco degli imputati ancora la politica che, con il ritorno delle tensioni interne alla maggioranza, ha acuito i problemi di fondo che già serpeggiavano. Nelle ultime ore, però, le divergenze sembrano iniziare ad appianarsi, o almeno l’approccio di entrambi i vicepremier tende ad ammorbidirsi.

Due titoli in auge

Ma il sistema Italia non viene messo in dubbio, tanto che è rimarcata la fiducia su due titoli in particolare: Unicredit e Stm.

Addirittura in queste ultime ore STM sta andando anche controcorrente rispetto al mercato italiano. Qualche minuto prima delle 14 il titolo leader dei semiconduttori viaggiava a +2%. Tanto che da Banca Akros non hanno esitato a mettere pole position per l’azienda un rating buy. La spinta arriva dai conti del secondo trimestre che, a fine luglio (per la precisione il 24), dovrebbero evidenziare un calo dei ricavi nel secondo trimestre che, però, è visto in aumento già dal terzo.

Fra le azioni italiane buone notizie per STM

Proiezioni interessanti se si guarda al più ampio spettro dell’intero settore che da tempo è sotto pressione, complici le tensioni sul commercio internazionale. Ma non è l’unica nota positiva per STM.

Tsmc ha comunicato una guidance di ricavi per il terzo trimestre con un +3% anche grazie ad Apple, cliente anche di STM. Insomma, un cambio della musica che potrebbe trovare accordi interessanti anche per il terzo e quarto trimestre dell’anno.

C’è poi il secondo candidato: Unicredit. Questa volta a votare per il colosso del credito tricolore è un collega: Deutsche Bank.

Ok di Deutsche su Unicredit

Secondo il gigante teutonico (DBK) il merger già annunciato e poi rimandato con Commerzbank non solo è possibile ma anche auspicabile. Sarà infatti questo a dare un’accelerazione alle operazioni di pulizia sui conti di Unicredit, operazioni che sono già state intraviste dal mercato. Risultato: +17,7% da gennaio

Una view, quella di Deutsche Bank, condivisa anche dal CEO stesso di Unicredit, Jean Pierre Mustier il quale ha già annunciato di essere all’opera su un piano da presentare a fine anno. Indiscrezioni parlano di una strategia che, per facilitare l’intera operazione, porterà alla divisione dei due rami, quello tedesco e quello italiano.

Approfondimento

STM Raccomandazioni e Scheda tecnica

Unicredit Raccomandazioni e Scheda tecnica

Azioni italiane: torna la fiducia su due titoli ultima modifica: 2019-07-19T14:38:35+02:00 da Rossana Prezioso

Trova il tuo broker

Tickmill
Fisher Investments
Ava Trade

Consigliati per te

Le Fonti TV
Le Fonti TV

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.