Azioni, Borse e materie prime a sconto. Investire ma … adagio lento

Le Borse mondiali, specie quella americana, a febbraio avevano giusto avuto il tempo di toccare i picchi di periodo prima del crash. È stato un tutti giù per terra, come la famosa canzoncina dei bambini all’asilo. Solo che questa volta c’erano di mezzo soldi, portafogli, risparmi di una vita, e il “giù per terra” si è trasformato in dramma. Altro che ingenui sorrisi. Azioni, Borse e materie prime a sconto. Investire ma … adagio lento. Il guru della finanza Warren Buffett da decenni predica acquisti di strumenti finanziari nei bagni di sangue dei mercati. Ora, se nei decenni lui ha collezionato miliardi di $ con queste sue strategie operative, ciò vuol dire che funzionano. Lo scenario attuale dei listini offre, a prima vista, l’imbarazzo della scelta. Un esempio per tutti: il petrolio a luglio 2008 toccò i 150$ al barile, oggi ne quota $20 appena.

Primo segreto: strategia di medio-lungo termine

In poco più di un mese sono stati quindi riportati indietro, e di anni, i prezzi di molti strumenti finanziari. Al punto che oggi si trovano azioni, Borse e materie prime a sconto. Investire ma … adagio lento. Per l’investitore frettoloso il rischio è quello di prendersi il tempo necessario per attuare un piano d’attacco funzionale. Ossia: sfruttare le occasioni dei prezzi bassi di Borsa con il duplice obiettivo della protezione del capitale e la sua messa a rendimento. Possibile? Assolutamente sì. Un ottimo approccio operativo è quello professato dalla “Dollar-Cost Averaging” strategy, qui perfettamente illustrata . In sintesi, la teoria dice che l’ottimizzazione del risultato finale passa per la via degli acquisti graduali agli inizi di ogni nuovo decennio. Con una prospettiva di almeno 4/6 prima del disinvestimento totale e prepararsi a sfruttare un nuovo tracollo dei mercati.

Seconda regola: diversificazione e oculatezza delle scelte

Dunque, ci troviamo con azioni, Borse e materie prime a sconto. Investire ma … adagio lento. E soprattutto tenendo a mente regole di diversificazione degli strumenti acquisiti. Se ho €100.000 e compro un immobile da fittare, i miei incassi dipenderanno tutti da lì. Da chi scelgo come inquilino, dal prezzo che chiedo, dalle dinamiche di mercato, dal luogo in cui acquisto. Ma se sbaglio anche solo 1 di questi parametri, ho compromesso moltissime speranze. Oppure si pensi se ad esempio 1 anno fa avessimo investito tutto in un titolo legato al trasporto aereo. Oggi avremmo almeno dimezzato, se non fatto peggio. La “lezione” deve valere per tutti i mercati: mixare tra ETF, poche azioni e una scorta di obbligazioni potrebbe essere una prima semplice soluzione. Fattibile pure, oltre che vivamente consigliata.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te