Azienda in regime forfettario può accettare il bonus vacanza

Nei meandri della fiscalità italiana, le aziende hanno più di una scelta per pagare le tasse in base al proprio regime. Tutti chiedono semplificazione ma al momento si registra solo tanta confusione. Intanto molti si sono chiesti se un’ azienda in regime forfettario può accettare il bonus vacanza. L’Agenzia delle Entrate ha chiarito la questione posta da un contribuente. Le aziende che operano in regime forfettario non hanno l’obbligo di emettere la fattura in formato elettronico. Ciò non vuol dire che le aziende in questa situazione restano fuori. L’Agenzia delle Entrate ha ribadito che i soggetti possono applicare il bonus vacanza tramite l’emissione di una fattura, di un documento commerciale non elettronico  o di uno scontrino o ricevuta fiscale.

ProiezionidiBorsa TV

Come farsi riconoscere il bonus vacanza

Il contribuente ha la possibilità di spendere il bonus vacanza tra le strutture ricettive abilitate. Non ci sono rischi nel caso in cui si sente dire che non si rilascia la fattura elettronica. L’importante è leggere sulla fattura emessa il codice fiscale del soggetto richiedente e la dicitura bonus vacanza. Le altre condizioni sono quelle che tutti conosciamo: periodo di fruizione dall’1 luglio al 31 dicembre 2020 e l’utilizzo del bonus in un’unica soluzione.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Acquista lo smartwatch XW 6.0 con il 70% di sconto

Scopri ora l'offerta

Smartwatch

Cosa fare una volta fatta la vacanza

Il contribuente sfrutta il bonus vacanza e al termine deve conservare il documento contabile. I benefici ottenuti sono due: sconto dell’80% sul valore della vacanza mentre l’anno successivo la parte restante si porta in detrazione dall’imposta lorda, in sede di dichiarazione dei redditi per l’anno d’imposta 2020.

Per non correre rischi

Chi è abituato a prenotare le vacanze su internet deve fare attenzione. Soggetti gestori di piattaforme o portali turistici di prenotazione non possono riconoscere il bonus vacanza. Gli unici abilitati sono le strutture, le agenzie di viaggio e tour operator. Non c’è la necessità di capire a che regime fiscale si aderisce: anche l’azienda in regime forfettario può accettare il bonus vacanza.

Consigliati per te