Aumentano i casi di nascite premature se non si abbandona in gravidanza questa abitudine creduta innocua

Conosciamo bene i pericoli del fumo durante la gravidanza. Questi includono: parto prima del termine, basso peso dei bambini alla nascita e sindrome della morte improvvisa del lattante. Quanto ne sappiamo invece delle sigarette elettroniche e dei possibili rischi in gravidanza legati al loro utilizzo? I dispositivi alimentati a batteria funzionano attraverso il riscaldamento di un liquido che, sotto forma di vapore, è inalato. Gli utenti in questo modo evitano il fumo di tabacco, ma respirano ancora nicotina. E la nicotina è una sostanza tossica. Ma le sigarette elettroniche non contengono soltanto nicotina. Attenzione quindi, perché aumentano i casi di nascite premature se non si abbandona in gravidanza questa abitudine creduta innocua.

Cosa contengono le sigarette elettroniche

Oltre alla nicotina, le sigarette elettroniche contengono un liquido a base di glicerina e glicole propilenico, sostanze ampiamente utilizzate in molti prodotti di consumo, dagli additivi alimentari ai cosmetici. Con le sigarette elettroniche, però, queste sostanze vengono vaporizzate e inalate. E questo potrebbe essere un problema, secondo Mark Olfert, professore associato presso la West Virginia University School of Medicine. In questa ricerca recentissima (Burrage EN et al.,2021) Olfert ha evidenziato che il vapore della sigaretta elettronica provoca l’irrigidimento delle arterie così come con il fumo di tabacco. Questo sembra essere un effetto delle sostanze chimiche presenti nel liquido riscaldate. Secondo Olfert, quindi, se una donna incinta fuma la sigaretta elettronica è probabile che tali effetti sui vasi sanguigni compromettano il flusso sanguigno all’utero.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
XW 6.0 è lo Smartwatch migliore del 2021: il tuo mondo a portata di polso

SCOPRI IL PREZZO

“XW60”/

Aumentano i casi di nascite premature se non si abbandona in gravidanza questa abitudine creduta innocua

Un nuovo studio suggerisce, inoltre, che le donne che usano sigarette elettroniche durante la gravidanza si espongono maggiormente al rischio di avere un bambino sottopeso o prematuro. Lo studio (Nagpal TS et al., 2021) è stato svolto su oltre 79.000 madri statunitensi. Delle donne che usano sigarette elettroniche e che non fumavano sigarette standard, poco meno dell’11% ha avuto un bambino sottopeso. Ciò rispetto a circa il 6% delle donne che hanno evitato ogni tipo di sigaretta. I risultati, secondo gli esperti, sottolineano un aspetto molto importante per la salute pubblica: le sigarette elettroniche non sono un’alternativa sicura al fumo, come molti invece si può pensare.

Gli effetti sulla salute delle sigarette elettroniche, in parte perché i prodotti non sono ancora bene regolamentati, non sono del tutto conosciuti. Alcuni dispositivi contengono molta nicotina, mentre altri in pochissima quantità. Spesso hanno altre sostanze aggiunte, inclusi conservanti e aromi. Il messaggio degli esperti è, quindi, di astenersi dalle sigarette elettroniche durante la gravidanza.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te