Attenzione, si chiama greenwashing ma è l’ultima moda in fatto di truffa ambientalista

Quanti di noi hanno deciso di fare una spesa consapevole, selezionando i prodotti che comprano e cercando di puntare sulla qualità più che sulla quantità? Quanti di noi decidono di comprare cibo da agricoltura biologica o ecosostenibile? Ce lo richiede l’ambiente e ce lo richiedono i tempi.

Non sempre, però, quello che decidiamo di comprare come biologico o ecosostenibile è degno di questo nome. Infatti, ci sono dei casi in cui le aziende sfruttano un buon marketing del prodotto per nascondere alcuni comportamenti.

Cioè, attraverso il branding, fanno passare in secondo piano dei comportamenti contrari alla loro linea. Attenzione, è l’ultima moda in fatto di truffa ambientalista e si chiama “greenwashing”. Una truffa ecologica, una truffa verde, che si prende gioco di milioni di persone. Vediamo i dettagli.

Sano, biologico, ecosostenibile: sì, ma l’etichetta non basta

Anche se abbiamo deciso di fare scelte consapevoli e più rispettose della salute del nostro corpo e dell’ambiente, a volte questo non basta.

Infatti, alcune aziende hanno trovato il modo di far passare in secondo piano le loro attività poco ecosostenibili, oppure il loro cibo non biologico. Predicare bene e razzolare male, direbbe il detto. Questo comportamento si chiama “greenwashing”, in inglese, e “ecologismo di facciata“, in italiano.

Attenzione, si chiama “greenwashing” ma è l’ultima moda in fatto di truffa ambientalista

Sta tutto nella scelta di certe strategie di comunicazione, che fanno sì che certe aziende si costruiscano un’immagine di sé positiva, legata alla sostenibilità ambientale. Questa immagine, però, è falsa e nasconde i veri effetti delle attività e dei prodotti aziendali, assolutamente non sostenibili e dagli effetti negativi per uomo e ambiente.

Facciamo attenzione, quindi, quando compriamo qualcosa che si spaccia per biologico o ecosostenibile, oppure quando certe aziende propinano false immagini di sostenibilità. In molti casi si tratta di vere e proprie truffe ai danni del consumatore.

Come in ogni cosa, quindi, è doveroso informarsi. È giusto fare delle scelte consapevoli e sostenibili, l’importante è che siano basate su qualcosa di reale, e non di inventato.

Consigliati per te