Attenzione quando portiamo a spasso il cane perché potrebbe morire toccando questo insetto davvero pericoloso in circolazione a maggio

Quando facciamo una passeggiata o portiamo il cane a sgranchirsi le gambe a giocare è un momento di puro relax. Purtroppo, però, anche in queste occasioni non possiamo abbassare la guardia. Infatti, dobbiamo fare attenzione quando portiamo a spasso il cane perché potrebbe morire toccando questo insetto davvero pericoloso in circolazione a maggio. Tra l’altro non è solo il cane ad essere a rischio. Questo problema riguarda anche noi. Vediamo quindi a cosa fare attenzione e come reagire dopo il contatto.

Cos’è questo insetto pericoloso per la nostra salute e quella del cane

L’insetto a cui dobbiamo fare estrema attenzione è chiamato processionaria nonostante tutte le precauzioni però, vivo. Si tratta di un bruco dotato di oltre 600.000 per gli urticanti. Hanno una colorazione nera e arancione e si muovono insieme creando una sorta di pericolosa processione. Da qui, infatti, viene il loro nome. Questi insetti creano il loro bozzolo sui rami degli alberi. Poi in primavera lo abbandonano, facendosi trovare da noi sui tronchi o sul suolo.

Attenzione quando portiamo a spasso il cane perché potrebbe morire toccando questo insetto davvero pericoloso in circolazione a maggio

La cosa ideale per evitare di incontrare questo insetto e non andare in boschi di pini o querce. Sono infatti questi gli alberi dove le processionarie creano i loro nidi. Purtroppo, però sono anche gli alberi più diffusi nel Mediterraneo. Quindi per non dover rinunciare ad uscire possiamo innanzitutto fare attenzione alla presenza di questi grandi bozzoli bianchi attaccati ai rami. Oltretutto, questi contengono ancora una grande quantità dei peli urticanti lasciati dai bruchi. Se poi notiamo una fila di insetti, che possono sembrarci anche un serpente, dobbiamo sicuramente allontanare noi e il nostro cane. Per questo sarà meglio tenerlo al guinzaglio, soprattutto se sappiamo di essere in una zona a rischio. Per saperlo basta informarsi con l’amministrazione locale. Se invece siamo noi a notare i nidi dobbiamo subito allertare le autorità. Queste saranno costrette a intervenire perché la lotta alla processionaria è normata dalla legge.

Cosa fare se noi o il nostro cane tocchiamo la processionaria

Adesso sappiamo che dobbiamo fare attenzione quando portiamo a spasso il cane perché potrebbe morire toccando questo insetto davvero pericoloso in circolazione a maggio. Nonostante tutte le precauzioni però, potrebbe ugualmente capitare di toccarli per sbaglio.

Il potere urticante dei peli può creare una forte reazione allergica nell’uomo, ma può avere effetti ancora più terribili sul cane. Infatti, questi sono in grado di uccidere le cellule, consumando il naso del cane e la sua bocca, la seconda che il bruco sia entrato in contatto con l’uno o con l’altra. La cosa può anche degenerare portando alla cancrena e all’impossibilità del cane di respirare. Ce ne accorgeremo subito perché la zona interessata comincerà a gonfiarsi. Per questo la prima cosa da fare e lavare subito tutto il cane con dell’acqua. Facciamo molta attenzione e usiamo i guanti perché i peli possono essere rimasti attaccati. Poi portiamo immediatamente il cane dal veterinario.

Se invece sospettiamo che il nostro cane possa essere stato avvelenato, consigliamo questo articolo.

Consigliati per te