Attenzione, quando le mamme raccomandano ai figli di mettere in ordine la cameretta: potrebbero sentirsi rispondere che è solo cluttercore!

E sì, proprio così, c’è una giustificazione per il disordine e questo pare uno dei frutti degeneri della pandemia.

In verità si è sempre tentato di giustificare il disordine come un “disordine organizzato” oppure come il “caos del genio che crea”.

Sta di fatto che ora la confusione è diventata un vero e proprio stile di arredamento e di vita. Nel Regno Unito, infatti, persino il  The Guardian ha rilevato questo nuovo trend denominato “cluttercore”.

Attenzione, quando le mamme raccomandano ai figli di mettere in ordine la cameretta: potrebbero sentirsi rispondere che è solo cluttercore!

In sostanza, Oltremanica, molti sudditi di Sua Maestà, durante i lockdown hanno iniziato a riavvicinarsi alle proprie cose, tirandole fuori da cantine e scatoloni.

Il punto è che invece di fare pulizia e sgomberare spazio, in molti hanno riempito le proprie case con foto, vecchi ricordi, oggetti, vestiti di anni passati.

Gli psicologi inglesi hanno spiegato questo fenomeno con la ricerca spasmodica di ricreare un “nido”, un posto sicuro al riparo della pandemia.

In molti hanno pubblicato sui social media le foto delle proprie stanze con l’hashtag #cluttercore. A dire il vero più che disordine organizzato, si arriva a sfiorare l’accumulo compulsivo.

I video pubblicati su TikTok con l’hashtag #clutterrcore hanno superato i 2 milioni di visualizzazioni.

Ma se nel Regno Unito spopola la tendenza del “disordine emozionale” – potremmo chiamarlo così – in Italia la situazione è diversa.

La pandemia ha portato una ventata innovatrice nelle nostre case. Gli italiani hanno affollato i centri di raccolta materiali durante tutto l’anno. Liberando cantine, garage o soffitte da vecchie cianfrusaglie inutilizzate. Molti di noi si sono armati di vernice e pennello e hanno imbiancato casa. Ora con i bonus governativi stiamo persino ristrutturando.

Già dal 2018, infatti, nella Penisola era diventato popolare il “decluttering”. Ossia l’opposto del “cluttercore”. “Decluttering” significa liberarsi del superfluo, mettere ordine e fare spazio. Marie Kondo, con il suo metodo konmari per ordinare gli armadi, è diventata un’eroina internazionale. E i suoi tutorial continuano a fare incetta di  visualizzazioni.

Probabilmente in Italia non approderà il #cluttercore. Ma non si sa mai.

Quindi attenzione, quando le mamme raccomandano ai figli di mettere in ordine la cameretta: potrebbero sentirsi rispondere che è solo cluttercore!

Consigliati per te