Attenzione perché questi 5 insospettabili oggetti di uso quotidiano smagnetizzano bancomat e carte di credito, ma 2 trucchetti potrebbero funzionare

Sia in casa che fuori casa, molto spesso, utilizziamo oggetti particolarmente pericolosi per le nostre carte. Si tratta cioè di cose che, a contatto con il bancomat o con la carta di credito, potrebbero metterli fuori uso. La conseguenza, poi, sarà alquanto spiacevole perché saremo costretti a perdere ore ed ore in banca per la sostituzione. Talvolta, a ciò, poi si accompagnerà la circostanza, ancora meno gradevole, di dover pagare anche una commissione per la sostituzione. In più, se ci troviamo all’estero o comunque in vacanza, avremo il problema di non poter pagare!

Insomma, la smagnetizzazione della carta, può essere fonte di stress e disagi non indifferenti, quindi è meglio usare delle precauzioni. Anzitutto, facciamo attenzione perché questi 5 insospettabili oggetti di uso quotidiano smagnetizzano bancomat e carte di credito, ma 2 trucchetti potrebbero funzionare per rimetterli in sesto. Scopriamo, anzitutto, quali sono gli oggetti “pericolosi”.

Attenzione perché questi 5 insospettabili oggetti di uso quotidiano smagnetizzano bancomat e carte di credito, ma 2 trucchetti potrebbero funzionare

In primis, la carta va conservata con cura, servendosi di un’apposita custodia, per evitare di andare incontro all’indicato pericolo. La custodia può consistere in un portatessere in pelle, plastica o alluminio, finalizzato a preservare l’alterazione della banda magnetica. Una volta smagnetizzata questa, infatti, non potremo utilizzare la carta né per prelevare né per pagare nei negozi. Ma veniamo agli oggetti che, in casa e fuori casa, dobbiamo tenere lontani dal nostro caro strumento di pagamento. Anzitutto, ci sono: le chiavi e le calamite.

Questo significa che dobbiamo assolutamente evitare di riporre la carta in tasca. Infatti, in tal modo, sarà più probabile che venga in contatto con le chiavi o con altri oggetti pericolosi, come le calamite. Meglio, invece, riporla nel portafogli, in uno scomparto dedicato, in modo tale che resti separata dalle altre carte. Altro oggetto, insospettabile, che potrebbe metterci fuori uso la carta è il televisore. Esso, unitamente, agli altri elettrodomestici dotati di banda magnetica, può danneggiare la banda della carta.

Altri 2 oggetti che provocano la smagnetizzazione e i 2 trucchetti che potrebbero funzionare

Oltre al televisore e agli elettrodomestici in genere, la carta può rimanere smagnetizzata a causa di un contatto con lo smartphone. Quest’ultimo è il quarto assassino delle carte, infatti, Ed, infine, abbiamo il PC. Anche il nostro insospettabile computer, come un comune elettrodomestico, potrebbe danneggiare la nostra carta di credito/bancomat.

Veniamo, adesso, ai trucchetti per riportarla in vita, una volta smagnetizzata. Naturalmente, essi non ci daranno la certezza del suo ri-funzionamento. Questo perché la carta potrebbe essere consumata a causa dell’eccessiva usura. Infatti, a volte, è proprio il bancomat, e quindi il continuo inserimento nella macchinetta, che ne provoca la distruzione. Comunque, il rimedio è il seguente: strofinare con forza la carta di credito su un tessuto asciutto. In alternativa, dobbiamo pulire sia il chip che la banda magnetica. Per farlo, possiamo servirci anche di una semplice gomma per cancellare, oppure sfregare ripetutamente il dito sia sul chip che sulla banda magnetica. Ebbene, se uno dei 2 trucchetti funzionerà, potremo evitarci di perdere una giornata in banca per la sostituzione della carta!

Lettura consigliata

Se perdiamo scontrini, bollettini o ricevute possiamo dimostrare il pagamento con l’estratto conto bancario?

Consigliati per te