Attenzione perché dal primo febbraio non riceverà la pensione chi non possiede questo documento

I tempi in cui viviamo sono più che mai incerti. La nostra vita cambia di settimana in settimana, tentando di adattarsi all’imprevedibile mutamento della pandemia. Di recente, il Governo ha approvato un ultimo DPCM che introduce alcune nuove normative. Il DPCM in questione fa un elenco più dettagliato di tutte quelle attività per cui sarà essenziale esibire la certificazione verde (Green Pass). Di contro, elenca anche quelle attività fondamentali per cui il Green Pass non sarà necessario: le esigenze alimentari o sanitarie restano garantite per chiunque.

Ma tra queste attività essenziali, garantite anche senza Green Pass, non compare il ritiro della pensione. Chi la ritira in banca o alla posta dovrà fare attenzione perché dal primo febbraio non riceverà la pensione chi non possiede questo documento. Le nuove restrizioni, infatti, coinvolgeranno anche banche e poste, a cui non si potrà accedere senza avere una regolare vaccinazione. Vediamo nello specifico quali sono i cambiamenti introdotti dal nuovo DPCM.

Attenzione perché dal primo febbraio non riceverà la pensione chi non possiede questo documento

Dal primo di febbraio cambierà la durata di validità del Green Pass, abbassata da 9 a 6 mesi. A partire dalla stessa data, aumenteranno le attività precluse a chi non possiede la certificazione verde. Tra queste, nel nuovo DPCM, compare anche il ritiro della pensione presso poste e istituti di credito. Chi ritira la pensione in contanti, dunque, dovrà necessariamente mostrare un Green Pass valido, altrimenti non potrà riceverla.

La novità ha lasciato spiazzati molti pensionati e non solo. La prima bozza del DPCM, infatti, prevedeva l’esenzione dal Green Pass per il ritiro della pensione presso banche e poste. In questo modo, i pensionati non vaccinati avrebbero comunque potuto ritirare la loro pensione. Stesso discorso per chi riceve una pensione di invalidità o l’assegno sociale. Ma il DPCM approvato ha cambiato le carte in tavola.

Ecco come ritirare la pensione in contanti dopo il primo di febbraio 

A partire dal prossimo primo febbraio, potrà ritirare la pensione in contanti senza alcun problema chi ha un Green Pass regolare.

I pensionati non vaccinati, invece, non potranno ricevere la pensione a meno che non mostrino la certificazione. In questo caso, però, si tratta di Green Pass di base, non rafforzato.

Per questo, basterà esibire il risultato negativo di un tampone, fatto entro le 48 (o 72) ore precedenti al ritiro della pensione.

Approfondimento

Per andare in pensione a 64 anni con 20 anni di contributi serve questo stipendio minimo

Consigliati per te