Attenzione, in molti non puliscono quest’oggetto di uso quotidiano non sapendo che in esso si annidano germi e batteri

Esiste una cosa che abbiamo praticamente tutti, che usiamo diverse ore al giorno a cui non prestiamo, però, attenzione alla sua pulizia. Lo smartphone per gioco, per lavoro, per moda è l’oggetto di cui non possiamo più fare a meno.

Sembrerebbe una storia d’amore appassionata se non fosse che non teniamo conto della sporcizia che potrebbe raccogliere. Pensiamo a quanti posti davvero sporchi potrebbe toccare il nostro cellulare: una scrivania, una poltrona, il pavimento quando spesso cade a terra o in mano alle altre persone.

Per non parlare del suo utilizzo in posti che non conosciamo e pieni di gente che ci passa accanto come supermercati, mezzi pubblici e luoghi di lavoro. Attenzione, in molti non puliscono quest’oggetto di uso quotidiano non sapendo che in esso si annidano germi e batteri.

Vedremo, quindi, alcuni piccoli accorgimenti, da fare saltuariamente, che permetteranno una corretta igienizzazione del nostro smartphone. Tutto questo gioverà, ovviamente, anche alla durata della sua vita.

Attenzione, in molti non puliscono quest’oggetto di uso quotidiano non sapendo che in esso si annidano germi e batteri

In commercio c’è la più ampia scelta di detergenti per la pulizia degli smartphone, noi andremo a vedere una detersione casalinga e a costo zero.

Chiaramente il display touchscreen è la parte del telefono più soggetta alla sporcizia e alle macchie. Tutto quello che ci occorre è un panno in microfibra o, semplicemente, la stoffa che usiamo per pulire le lenti degli occhiali. Inumidiamo quest’ultima con acqua tiepida e passiamola sullo schermo per poi asciugare il tutto con una pezza di cotone (maglietta). Questo metodo è consigliato anche per la pulizia delle fotocamere. Ricordiamoci, prima di effettuare queste operazioni, di bloccare lo schermo dello smartphone onde evitare l’apertura accidentale di applicazioni o che partano chiamate.

Una piccola parte dove si annida spesso sporco e polvere è l’altoparlante; questo potrebbe inficiarne anche il corretto funzionamento. Visto che questa componente è davvero delicata si consiglia di utilizzare questi metodi in maniera attenta e leggera.

Inumidendo con poca acqua tiepida un cotton fioc, passarlo sui vari buchi degli altoparlanti così da far rimanere attaccate le impurità. Altro metodo risolutivo è quello di passare uno spazzolino asciutto a setole morbide sopra ogni microfono. Evitare l’uso di acqua in questo caso, perché le setole non l’assorbirebbero e si rischierebbe di bagnare l’interno dello smartphone.

Infine, non tutti lo sanno ma alcuni telefoni di ultima generazione hanno una funzione, nelle impostazioni, con la quale è possibile fare una pulizia automatica degli speakers.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili QUI»)

Consigliati per te