blank

In diretta streaming da Investing Roma

Attenzione: gli smartphone sabotano la capacità di attenzione del cervello

Attenzione: gli smartphone sabotano la capacità di attenzione del cervello. I nostri telefonini ci danno una gratificazione immediata. Ma c’è un costo: la perdita di attenzione e di produttività. Cerchiamo di capire la scienza delle distrazioni. E quello che si può fare per rimanere più concentrati e produttivi.

L’attenzione è una risorsa limitata. E, in un momento particolare, puoi averne solo quella necessaria. Viviamo in un’epoca di continue distrazioni. Connessi potenzialmente 24/7. Con lo smartphone in mano portiamo nostro mondo con noi, ovunque. Ma i nostri dispositivi ci rendono meno attenti. Quindi, ci siamo chiesti cosa faccia la tecnologia al nostro cervello. Ecco le risposte.

Siamo in overload informativo. Siamo bombardati da più di 63 notifiche al giorno. Riceviamo oltre 90 e-mail. E ne scriviamo circa 40. In media cambiamo attività ogni tre minuti. Quando affrontiamo le distrazioni, due aree del cervello, la corteccia parietale e la corteccia frontale, sono in una sorta di contrasto tra loro. Alcune ricerche suggeriscono che la corteccia parietale risponde alle distrazioni. Mentre la corteccia frontale, che è coinvolta in compiti cognitivamente impegnativi, ci aiuta a mantenere la concentrazione.

Così ci distraiamo se l’attività della corteccia parietale arriva alla corteccia frontale. Se la corteccia frontale riesce a tenere sotto controllo quella parietale, si rimane concentrati. Il cervello decide ciò che è importante e ciò che non lo è. E questo richiede uno sforzo.

Attenzione: gli smartphone sabotano la capacità di attenzione del cervello

Anche quando si pulisce la cassetta della posta e non si fa un duro lavoro cognitivo, in realtà lo si fa. Perché ci sono un sacco di decisioni essenzialmente microscopiche. E ognuna di queste decisioni richiede un po’ più di sforzo cognitivo, e così via. Ma quando ne aggiungi un sacco, finisci per non avere più il potere di prendere altre decisioni importanti, se le esaurisci. Controllare le email più frequentemente durante la giornata è stato associato a sentirsi più stressati e sopraffatti. Uno studio della Georgetown University spiega cosa succede.

Immaginiamo che l’attenzione sia un lago calmo. E che ogni notifica sia una piccola goccia in quel lago. Possiamo pensare alla capacità di riflettere come alla capacità di concentrarsi su ciò che ci circonda. Ma quando abbiamo tutte queste gocce in continuazione, quando piove, si ottiene un lago disturbato e sfasato. La posta elettronica è come la pioggia. E le notifiche sembrano una tempesta per la nostra produttività e la nostra capacità di concentrarci. Più alto è il carico cognitivo, più siamo suscettibili a nuove distrazioni. Le notifiche sui nostri telefoni attirano la nostra attenzione lontano dal compito che abbiamo a portata di mano. Per cui completarlo può richiedere, in ultima analisi, uno sforzo maggiore.

Cosa possiamo fare?

Ogni volta che si viene distratti da una notifica, si deve spostare l’attenzione e tornare indietro. La commutazione, in sé e per sé, richiede in realtà uno sforzo cognitivo. E così si finisce per essere più stressati alla fine della giornata. Quindi, cosa possiamo fare come utenti di smartphone per mitigare questa situazione? In essenza, basta programmare il proprio smartphone per avere del tempo senza notifiche. E poi, tenerlo silenzioso, soprattutto mentre stiamo lavorando.

Quindi, per affrontare le nuove tecnologie, potremmo aver bisogno di riconsiderare prima di tutto come e quando ci affidiamo ad esse. Qual è il prezzo che paghiamo, affidandoci ad esse? Un prezzo di attenzione, sicuramente. Perciò dovremmo avere più contatti umani e meno telematici. Dopotutto, l’uomo è un animale almeno gregario, se non sociale. Le conversazioni casuali al lavoro ci fanno sentire più connessi, più felici e produttivi. Questo è ciò che ci dice la scienza.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze a riguardo, consultabili qui»)

Scopri Plus500
Scopri Plus500

Consigliati per te