Attenzione, ecco cosa si rischia se si litiga con l’ex

Capita spesso che, quando marito e moglie decidono di separarsi, decidano poi anche di farsi la guerra.

In questi casi una causa di separazione può trasformarsi in una vera e propria battaglia all’ultimo sangue. Per evitarlo servirebbero buon senso e un po’ di ragionevolezza, ma, si sa, quando vengono feriti i sentimenti spesso si diventa irrazionali. Può capitare che uno dei coniugi, per fare dispetto all’altro, rifiuti di restituire alcuni dei beni di sua proprietà, come un computer o un gioiello. Non si può fare a meno di chiedersi cosa accade in questi casi.

INVESTI NEL MERCATO IMMOBILIARE CON UN RENDIMENTO POTENZIALE FINO AL 13,13%
Puoi partire da soli 500 euro!

SCOPRI DI PIÙ

La domanda che più frequentemente ci si pone è se, non restituendo i beni, il coniuge si sia di fatto macchiato di appropriazione indebita. Per scoprirlo bisogna capire cosa ne dice la legge.

Attenzione, ecco cosa si rischia se si litiga con l’ex

Prendiamo il caso di una coppia che, convolando a nozze, abbia accettato il regime patrimoniale della comunione dei beni.

Ecco, in questo caso si potrebbe pensare che non restituire i beni all’ex non configuri come appropriazione indebita. In realtà non è così. Infatti, nonostante la comunione, ci sono in ogni caso dei beni che restano di proprietà esclusiva dell’ex coniuge e sono necessariamente da restituire.

Non farlo costituisce appropriazione indebita. Un esempio dei beni che vanno in ogni caso restituiti sono i beni ricevuti in eredità o oggetti ad uso strettamente personale.

Attenzione all’appropriazione indebita, ecco cosa si potrebbe rischiare se si litiga con l’ex.

Il codice penale prevede che gli effetti di un’appropriazione indebita possono tradursi in una sentenza che decreti la reclusione da due a cinque anni e una multa da mille a tremila euro.

Il reato sussiste anche nel caso in cui la coppia in questione sia una coppia di fatto?

Nel caso in cui la coppia in questione sia una coppia di fatto chiaramente non sussiste alcun regime patrimoniale comune e quindi consegue che ciascun partner convivente conserva la proprietà esclusiva dei suoi beni. Dunque la risposta è sì, si tratta di appropriazione indebita anche nel caso in cui si parli di una coppia di fatto.

Se si è interessati a scoprire cosa succede al mutuo in caso di separazione, allora questo articolo è indispensabile.

Consigliati per te