Attenzione alle truffe sui conti correnti. Non si ferma l’attività di raggiro!

Molte volte si è messo in guardia i Lettori in merito alle truffe che viaggiano online e che si consumano attraverso raggiri telefonici. Molte persone hanno visto sottratte dai propri conti anche cifre assai consistenti. Ebbene, attenzione alle truffe sui conti correnti. Non si ferma l’attività di raggiro!

Le tecniche per sottrarre danaro ai malcapitati si fanno sempre più affinate. E mutano con il cambiare delle precauzioni adottate avverso detti fenomeni.

Sicchè, occorre stare attenti a telefonate, messaggi di testo e link inviati, addirittura, tramite WhatsApp. Quest’ultima tecnica è stata adottata recentemente per mettere a segno una truffa nel Nord Italia.

L’insidiosità delle tecniche adoperate sta nel fatto che esse si avvicinano sempre di più alla vittima. Fino addirittura a servirsi della nota messaggistica istantanea, utilizzata in modo continuo, e soprattutto confidenziale. In questo caso, “il link truffa”, è staro inviato proprio attraverso WhatsApp. Anziché tramite la tradizionale e-mail o SMS. Nella specie, nel link si informava la vittima della necessità di aggiornare i dati del suo conto corrente.

Come si caratterizzano le truffe

La peculiarità delle truffe in commento sta nel fatto che esse mirano a raggirare i malcapitati. E a carpirne, quindi, la buona fede e l’affidamento. Infatti, i messaggi che vengono inviati, sono una copia identica di quelli che solitamente provengono dagli istituti di credito.

Nel fatto di cronaca, dal conto della donna vittima della truffa, si sono sottratti ben 19mila euro. In siffatti casi, il danno enorme consiste nel fatto che la banca non risponde e non copre l’ammanco. E ciò considerato che la truffa viene consumata per mezzo della stessa vittima incolpevole.

Quindi, negli ultimi tempi, aumentano i casi degli SMS truffa, per via di un fenomeno chiamato, con un termine, di nuovo conio, “smishing”, che, appunto sta ad indicare la sottrazione di dati e informazioni tramite SMS.

Si tratta di una fattispecie di phishing, che si riferisce alle e-mail, ma il fenomeno è praticamente identico. Insomma, per evitare di incorrere in situazioni così tremende, è consigliabile non fornire password, dati o credenziali dei conti correnti da chiunque provenga il link, il messaggio o l’e-mail.

In generale, è meglio non aprire neppure il link che si riceve. Questo è l’unico modo per non cadere in trappola.

In conclusione, attenzione alle truffe sui conti correnti. Non si ferma l’attività di raggiro!

Consigliati per te