Attenzione ai 3 errori da evitare prima di comprare casa per affittarla

In un’epoca di tassi d’interesse reali che vanno dal negativo al vagamente sopra lo zero, la ricerca dei rendimenti interessanti si fa alquanto dura.

Alcune soluzioni d’investimento non sono alla portata di tutti, mentre altre bisogna saperle scovare e poi approfittarne.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Oil Free Fryer, la vera friggitrice ad aria

Scopri il prezzo lancio

Friggitrice Fryer

L’acquisto di una casa da mettere a reddito rientra nel gruppo degli investimenti ‘impegnativi’. Occorre disporre di una certa dote di capitale iniziale, prima di intraprendere la relativa avventura. Restando in tema, attenzione ai 3 errori da evitare prima di comprare casa per affittarla. Vediamo insieme di quali errori si tratta.

Capire il mercato di riferimento

Il primo errore da non fare è quello di pensare di comprare una casa e poi di capire dopo, in corso d’opera, a chi proporla. Niente di più sbagliato.

Le mosse giuste al riguardo sono invece le seguenti. Si individua dapprima un mercato-target di riferimento, che stia domandando abitazioni. Secondo, si individua la casa giusta che possa soddisfare le potenziali esigenze e necessità del nostro cliente-tipo.

Il mercato-target di riferimento è grosso modo animato da cinque attori principali. Questi possono essere: gli studenti fuori sede, il mondo dei single (o divorziati e separati), le famiglie, i lavoratori fuori sede e  infine i turisti.

Manco a dirlo, ognuno di questi mercati ha le sue dinamiche, le sue esigenze, i suoi budget di spesa. Ma anche le sue esigenze, in tema di tipologia di immobile di più, oppure meno adatto.

Attenzione ai 3 errori da evitare prima di comprare casa per affittarla

Oggi, ai tempi del Covid, il mercato è ricco di case in offerta, mentre la domanda è ridimensionata. Quindi o si offre il giusto connubio qualità-prezzo, altrimenti si è semplicemente spazzati via dalla concorrenza. All’articolo di cui qui il link ne spieghiamo i perché.

Le case non mancano, tranne nelle medie-grandi città, dove sembra non bastino mai. Quindi un immobile, per non essere puntualmente scartato da chi cerca, non solo deve offrire i giusti servizi al cliente. Ma non deve neanche essere presuntuoso ed esagerato nel prezzo. Un prezzo alto sarà l’elemento primo che porterà quel padrone di casa sempre alla continua ricerca di nuovi affittuari.

Sarà come il caso di quel datore di lavoro che paga poco e male i suoi dipendenti: ogni 3 mesi si ritroverà a dover ricercare nuovo personale. Elementare.

Il rendimento atteso

L’investimento immobiliare non può poi prescindere dal conoscere a priori il rendimento che ci aspetterà. Se compriamo un BTP a 30 anni, vogliamo sapere, prima dell’acquisto, quale flusso cedolare incasseremo, sia lordo che netto.

Lo stesso discorso vale per il mattone. Ora, secondo molti esperti di settore, il rendimento annuo lordo di un bilocale (60-70 mq) nelle grandi città italiane, oscilla sul 5% lordo. Quindi, per le case e nelle aree e/o località meno gettonate, è inevitabile che tale rendimento andrà spesso corretto al ribasso. Tra il 3% e il 4% lordo annuo circa.

In tema di investimento immobiliare, dunque, attenzione ai 3 errori da evitare prima di comprare casa per affittarla.

Consigliati per te