Attenzione agli errori nella domanda del contributo a fondo perduto

Il contributo a fondo perduto è riconosciuto alle aziende che hanno avuto un calo del fatturato nel 2020 dovuto alla pandemia da Covid-19. Il contributo introdotto dal Decreto Rilancio è erogato direttamente dall’Agenzia delle Entrate.

La dimostrazione della perdita è verificata rapportando i mesi dell’anno 2020 agli stessi mesi del 2019. Per ricevere il contributo a fondo perduto bisogna inoltrare domanda sul sito dell’Agenzia delle Entrate. Ma bisogna fare molta attenzione agli errori nella domanda del contribuito a fondo perduto perché alcuni uffici rigettano la pratica. Vediamo cosa fare e quali sono gli errori da evitare.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

L’Agenzia delle Entrate permette di accedere con l’autotutela

L’Agenzia delle Entrate, nella risoluzione 65/2020, ha chiarito cosa fare quando si commettono errori nella domanda di richiesta del contributo a fondo perduto.

La divisione Servizi di Roma dell’AdE ha concesso ai contribuenti che hanno sbagliato la domanda di rimediare con l’autotutela.

La maggior parte degli uffici, infatti, rigetta la domanda e consiglia al contribuente di fare ricorso. In questo caso le alternative sono: o rinunciare al contributo o presentare ricorso entro sessanta giorni.

Per i contribuenti che hanno presentato domanda e risulta ancora in lavorazione, saranno esclusi dal nuovo contributo concesso in automatico.

Attenzione agli errori nella domanda del contributo a fondo perduto

Nella risoluzione sopra citata l’AdE ha previsto una possibilità per i contribuenti che commettono errori nella compilazione del contributo a fondo perduto. In particolare, la risoluzione evidenzia la possibilità di presentare una domanda in autotutela per i contribuenti che hanno commesso determinati errori.

Ad esempio, l’errore più comune è l’indicazione del codice IBAN errato, e dopo aver ricevuto l’avviso di errore nella domanda, non aver presentato un’istanza sostitutiva.

I contribuenti che hanno commesso errori di questo tipo possono comunque presentare una nuova istanza di revisione.

Riceveranno l’accredito del contributo a fondo perduto nel momento in cui la pratica è revisionata e accettata. Quindi attenzione agli errori nella domanda del contributo a fondo perduto.

Consigliati per te