Attenzione a questo errore madornale che ucciderà tutte le piante d’appartamento

Capita spesso di leggere articoli che trattano di piante che vivono bene al buio o in spazi poco luminosi. Da un lato è vero che esistono tipologie di piante che vivono meglio di altre con poca luce. Dall’altra, però, non bisognerebbe mai dimenticare che tutte le piante hanno bisogno di luce per sopravvivere.

Per questo  motivo non bisognerebbe mai commettere l’errore di dimenticare le proprie piantine in spazi privi di luminosità per lunghi periodi. Questo discorso vale anche per le piante che vivono bene senza molta luce. Quindi attenzione a questo errore madornale che ucciderà tutte le piante d’appartamento.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
XW 6.0 è lo Smartwatch migliore del 2021: il tuo mondo a portata di polso

SCOPRI IL PREZZO

“XW60”/

Fotosintesi clorofilliana

Tutte le piante, infatti, per poter svolgere al meglio la fotosintesi clorofilliana necessitano di un minimo quantitativo di luce.

La clorofilla, infatti, cattura la luce e la usa per attivare la reazione chimica. Attraverso questa reazione le piante riescono a produrre glucosio e altre sostanze a partire da anidride carbonica e acqua. Le piante utilizzeranno l’energia prodotta dalla fotosintesi clorofilliana per vivere.

Premesso, quindi, che tutte le piante hanno bisogno di luce ce ne saranno alcune che riusciranno a sopravvivere con poche ore di luce al giorno.

Cosa significano “luce” e “ombra”

Per le piante essere esposte alla luce del sole non è sinonimo di essere esposte al sole. Infatti, esistono piante che possono tranquillamente essere sistemate all’ombra o a mezz’ombra.
Quando si tratta di luminosità si tiene conto della quantità di luce presente in un ambiente prendendo come sorgente di luce il sole.

Nel caso di ombra, poi, si tratta di una situazione in cui la luce solare diretta è ostacolata da una siepe o da un’altra abitazione.

La mezz’ombra, invece, potrebbe coincidere con un’esposizione a nord nella quale la luce sarà presente solamente per poche ore al giorno.

Come scegliere le piante

Nel caso in cui si disponga di un’abitazione o di un giardino poco luminosi perché, ad esempio, esposti a nord bisognerà scegliere con cura le piante.

Infatti, si tratta di casi in cui si dovrebbero preferire piante che non necessitano di troppa luce, come ad esempio le azalee e le camelie.

Inoltre, le piante dovranno essere sistemate in posto strategico in cui si alternino luce e ombra tenendo conto delle singole necessità. Inoltre, a seconda della pianta, sarà bene optare per posizionarla vicino alla finestra o a distanza.

In totale assenza di luce, infatti, tutte le piante tenderanno a deperire e morire.

Ad esempio, i cactus crescono bene vino a finestre esposte a ovest con luce intensa tutto il pomeriggio. Altre, come le acidofile, saranno perfette per un’esposizione a est.

Nel caso di esposizione a nord, invece, in alcuni casi si potrebbe anche optare per l’utilizzo di una luce artificiale per aiutare la pianta. Quindi attenzione all’errore madornale che ucciderà tutte le piante d’appartamento.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te