blank

Attenzione a questi alimenti, sono vietati e velenosi

Non ci sono soltanto il Covid-19 e la prossima influenza stagionale, tra i gravi pericoli sanitari dai quali ci dobbiamo difendere, questo autunno. Ci sono anche gli alimenti velenosi, in agguato nei supermercati, nei negozi e nei ristoranti.  Il Ministero della Salute ha emesso, tra agosto e settembre, una raffica di provvedimenti per il ritiro di prodotti che mangiamo abitualmente, come l’insalata di mare, il salame, i ravioli. Ma sono pochissime le persone che vanno a fare la spesa, puntualmente informate.

Attenzione a questi alimenti, sono vietati e velenosi

Gli esperti di Salute e Benessere di ProiezionidiBorsa vi spiegano cosa dovete fare per informarvi da soli. Andate su questa pagina prima di fare la spesa settimanale. Andateci spesso. Ci sono informazioni e fotografie dettagliatissime degli alimenti vietati e pericolosi che devono essere via via ritirati dal commercio. Cosa ci arriva nel piatto nei ristoranti, non lo possiamo controllare. Ma non bisogna sottovalutare i malesseri, specie se collettivi. E andare a farsi controllare. Possiamo invece fare la spesa tenendo gli occhi aperti: controllando che i prodotti vietati non siano ancora, per errore o distrazione, sugli scaffali del supermercato o nel piccolo negozio di alimentari di quartiere. Ma altri controlli sono necessari sugli acquisti in palestra, al centro estetico e via internet: gli integratori alimentari sono un altro territorio pieno di sostanze vietate.

SCOPRI L'OFFERTA SPECIALE
Acquista ora XW 6.0 dal sito web ufficiale

CLICCA QUI

Smartwatch

Il carrello dei veleni

Attenzione a questi alimenti, sono vietati e velenosi. Cozze e crostacei, salumi, formaggi, integratori alimentari, ravioli, persino il cioccolato. Biotossine oltre i limiti nelle cozze, pezzetti di plastica nelle barrette, salsicce e salami alla salmonella, ravioli alla borragine infarciti di agenti virali. Gli scaffali dei supermercati, ma anche quelli dei discount sono stati interessati da ritiro urgente di questi e altri prodotti. Trasformati e distribuiti da piccole imprese ma anche da autorevoli multinazionali.

Siamo andati a sbirciare solo quelli messi al bando tra agosto e settembre: ma l’ultima settimana, quella della riapertura di scuole e uffici, è stata un bollettino di guerra. Le insegne commerciali dove tali prodotti sono stati rintracciati, a seguito di malori segnalati dagli ospedali, sono di tutto rispetto. A ritirare i prodotti velenosi per l’uomo sono stati il Ministero della Salute, a seguito di segnalazioni in arrivo dalle Asl. Ma anche gli stessi produttori che stanno richiamando i lotti scoperti infetti oppure sospetti, per cattiva conservazione.

Integratori alimentari pericolosi

Sempre dalle pagine del Ministero, apprendiamo che in numerosi portali web risultano venduti integratori contenenti ingredienti vietati, dichiarati pericolosi addirittura a livello europeo. Dietro marchi criptici come Hydroxycut Hardcore Next Gen e Hydroxycut Hardcore Elite 110 Muscletech, si nascondono miscugli contenenti Yohimbe o Yohimbina, sostanze vietate dalla normativa europea ex Reg. 1925/2006 negli alimenti. Esistono diverse formulazioni di questi integratori, alcuni di questi non le riportano in etichetta, mentre altri si. Molti integratori si vendono col passaparola tra i giovani nei centri estetici e nelle palestre. Pertanto “si raccomanda ai consumatori di non acquistare questi o altri prodotti che dichiarano o pubblicizzano la presenza di Yohimbe o Yohimbina e di astenersi dal consumarli”.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze a riguardo, consultabili qui»)

BNP Turbo Unlimited
BNP Turbo Unlimited

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.