Attenzione a questa parte della mela in cui potrebbero concentrarsi sostanze velenose e tossiche

Prima di mangiare la mela, è importante lavarla a dovere. Soprattutto chi non possiede un melo nel proprio giardino, ma si rifornisce al supermercato, dovrebbe stare molto attento alla fase della pulizia.

Esistono diversi metodi per pulire frutta e verdura, ma generalmente sono 2 quelli più utilizzati. Il primo è la semplice passata sotto l’acqua e il secondo prevede un bagno in acqua e bicarbonato. Gli esperti hanno condotto diversi esperimenti per capire quale fosse il metodo più sicuro, ma non è questo il punto centrale del nostro discorso.

INVESTI NEL MERCATO IMMOBILIARE CON UN RENDIMENTO DEL 13,13%
Puoi partire da soli 500 euro!

SCOPRI DI PIÙ

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Aloe Vera Slim, l'integratore naturale che ti fa perdere peso velocemente

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Chi coltiva frutta e verdura che poi verrà messa in commercio deve rispettare precise indicazioni della legge. La legislazione europea, infatti, stabilisce dei limiti netti e precisi che riguardano i pesticidi presenti e residui su frutta e verdura messe in commercio. Questo, sicuramente, ci rasserena nei confronti di ciò che acquistiamo al supermercato e ci fa tirare un bel sospiro di sollievo.

Nonostante questo, però, l’ideale per la nostra alimentazione sarebbe eliminare anche la minima traccia o residuo di pesticidi e prodotti chimici. E per questo, basta eseguire un semplice gesto che, purtroppo, quasi nessuno fa.

Attenzione a questa parte della mela in cui potrebbero concentrarsi sostanze velenose e tossiche

La sicurezza in tavola è un tema molto importante per chiunque. Ciò che mangiamo ha un impatto molto importante sulla nostra salute. Basti pensare che alcuni cibi sono sconsigliati a chi presenta patologie. Un esempio sono questi 3 cibi da evitare per pervenire infarti e ictus più un consiglio prezioso.

Quando laviamo frutta e verdura, teoricamente eliminiamo i residui di pesticidi e dei fungicidi dalla buccia. Nonostante ciò, però, non è detto che questi non siano arrivati all’interno del frutto.

Il problema è che alcune sostante chimiche potrebbero aver oltrepassato la buccia esterna del frutto, in questo caso la mela, e trovarsi all’interno della sua polpa.

Il rischio è di mangiare un frutto che, anche se apparentemente pulito, in realtà potrebbe ospitare ancora residui di sostanze dannose per la salute.

Ecco come evitare il problema

La soluzione per eliminare qualsiasi dubbio ed essere davvero sicuri della mela che stiamo mangiando è questa. Quando la sbucciamo, tagliamo via insieme alla buccia anche lo strato più esterno della polpa, quello immediatamente vicino alla buccia. Ecco perché dobbiamo fare attenzione a questa parte della mela in cui potrebbero concentrarsi sostanze velenose e tossiche.

In questo modo elimineremo la parte in cui potrebbero essere presenti residui di sostanze dannose, e avremo la sicurezza di mangiare un’ottima mela.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te