Attenzione a questa malattia che gira e che non è il coronavirus

Se la situazione pandemica in cui versiamo ha qualche merito è quello di aver ridotto l’insorgere di alcuni malanni tipici dei mesi invernali come tosse, raffreddore e influenza. Ciò è dovuto alla riduzione drastica delle possibilità di contagio, per le restrizioni e il confinamento sociale della pandemia.

Non vale lo stesso discorso per altre patologie, che non conoscono una riduzione della possibilità di contagi, ma che continuano a girare. Oggi dedicheremo attenzione a questa malattia che gira e che non è il coronavirus.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Un verme parassita da temere 

La temibile malattia di cui parliamo oggi è causata da un parassita, in particolare un verme nematoda che vive nelle carni di pesce. Stiamo parlando del tristemente celebre Anisakis, che nell’uomo può causare reazioni allergiche ai prodotti rilasciati dai vermi nel pesce parassitato, oppure parassitosi causate dall’ingestione di pesce crudo infetto.

Il verme solitamente vive nelle carni di salmone, pesce spada, tonno, acciughe, merluzzo, sgombro e rana pescatrice. Se si ingerisce del pesce infetto possiamo avere dolori addominali molti forti assieme a nausea e vomito e in alcuni casi febbre alta. A volte le larve possono essere addirittura essere espulse e visibili ad occhio nudo.

Se sospettiamo di avere un’intossicazione da Anisakis dobbiamo subito intervenire rivolgendoci ad un ospedale.

La buona notizia è che possiamo prevenire l’Anisakis tramite la cottura del pesce o l’abbattimento. Se vogliamo consumare pesce crudo questo deve essere stato necessariamente abbattuto. Nessun altro metodo, né l’affumicatura, né la salatura sono efficaci per uccidere il parassita eventualmente presente.

Attenzione a questa malattia che gira e che non è il Coronavirus

 Contro l’Anisakis e tutte le intossicazioni alimentari non dobbiamo abbassare la guardia. Se giustamente non vogliamo rinunciare ad un buon sushi o a un carpaccio di pesce, dobbiamo assolutamente seguire questo consiglio e consumare il pesce crudo previamente abbattuto. Il solo congelamento non elimina il parassita.

Non vogliamo creare falsi allarmismi, ma il rischio di ingerire questo verme è sempre in agguato. Ogni anno centinaia di persone si sente male per colpa del parassita, troppi, se pensiamo a quanto è facile prevenirlo.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te