Attenzione a questa impensabile ed elaborata truffa che colpisce quelli che fanno shopping online

Molti di noi quando devono comprare qualcosa invece di recarsi in un negozio fisico, preferiscono effettuare delle transazioni sul Web. Il fenomeno è aumentato esponenzialmente dopo il periodo di quarantena, momento in cui più o meno tutti, per noia o per necessità, hanno incominciato a fare acquisti su Internet. Questa abitudine sicuramente ci permette di avere più scelta, di confrontare i prezzi e a volte di trovare delle occasioni particolarmente ghiotte. Questo però è proprio il caso in cui bisogna prendere ancora più precazioni del normale. Infatti è necessario fare attenzione a questa impensabile ed elaborata truffa che colpisce quelli che fanno shopping online. Vediamo insieme come tutelarci dai malintenzionati e navigare in maniera sicura.

Vendite fra privati, quali sono i pro e i contro

Questo tipo di raggiro generalmente avviene nelle transazioni fra privati, ovvero quelle non mediate dalle piattaforme che generalmente fanno da garante. Procedendo in questo modo si ha sicuramente il vantaggio di ottenere dei prezzi nettamente inferiori, dato che viene annullata la percentuale richiesta dal sito per sostentarsi. Però in questo caso bisogna essere sicuri della buona fede del venditore. Spesso non basta affidarsi alle recensioni positive: un utente infatti può procurarsele facilmente e poi disattivare l’account appena arrivano rimostranze e aprirne dopo un po’ uno nuovo di zecca. Allo stesso modo dobbiamo tutelarci se noi stessi abbiamo deciso di mettere in vendita qualcosa, dato che spesso non è possibile verificare le recensioni degli utenti che acquistano.

Attenzione a questa impensabile ed elaborata truffa che colpisce quelli che fanno shopping online

Vediamo dunque nel dettaglio come si svolge questa dinamica. Una volta che abbiamo messo online i nostri prodotti, magari in alcuni gruppi Facebook o in altri forum dedicati a questo genere di scambi, veniamo finalmente contattati. Dopo una trattativa sul costo, si giunge ad un accordo e generalmente l’acquirente chiede di pagare tramite PayPal. Questo è un procedimento normale dato che il sito permette di effettuare transazioni sicure. Bisogna però ricordarsi che chi paga può ritrattare l’importo entro un tot di tempo. In questo caso è necessario insospettirsi se l’altro chiede di inviare ciò che comprato ad un altro indirizzo che non sia il suo. La giustificazione più gettonata è quella di trovarsi temporaneamente a casa di amici o parenti. In questo modo infatti può affermare che l’ordine non sia mai arrivato e ottenere facilmente un rimborso. Ci troveremmo così sia senza i soldi che senza la nostra merce.

Approfondimento

La nuovissima truffa che con una semplice chiamata può svuotarci i conti correnti

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te