Attenzione a non perdere il credito di imposta fino a 80.000 euro entro il 30 giugno 2021

La Legge di Bilancio, ha apportato delle modifiche al Bonus previsto per la sanificazione degli ambienti di lavoro. L’Agenzia delle Entrate, pertanto, con provvedimento dell’8 gennaio ha apportato modifiche ad un suo precedente del 10 luglio scorso. Quindi attenzione a non perdere il credito di imposta fino a 80.000 euro entro il 30 giugno 2021.

Gli esperti di ProiezionidiBorsa illustrano ai Lettori, in merito al Bonus sanificazione e adeguamento degli ambienti di lavoro, le novità e modifiche previste dalla Legge di Bilancio. In particolare la Legge di Bilancio, è intervenuta sull’argomento, riducendo il termine precedentemente fissato per l’utilizzo in compensazione del credito di imposta.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Acquista lo smartwatch XW 6.0 con il 70% di sconto

Scopri ora l'offerta

Smartwatch

Il Decreto Rilancio ha riconosciuto agli esercenti attività commerciali, professione o arte in luoghi aperti al pubblico un credito di imposta per spese di adeguamento. Tale Bonus è riconosciuto altresì alle associazioni, fondazioni ed enti privati, compresi gli enti del Terzo settore.

Si tratta di spese necessarie sostenute dagli esercenti al fine di rispettare le prescrizioni sanitarie e di contenimento anti Covid. Tale Bonus si può utilizzare in compensazione mediante il modello F24 o può essere ceduto.

Attenzione a non perdere il credito di imposta fino a 80.000 euro entro il 30 giugno 2021

L’art. 125 del Decreto Rilancio, con tale Bonus ha previsto un credito di imposta al 60% sulle spese sostenute nel 2020 per la sanificazione periodica, fino a euro 60.000. In questa misura rientrano anche le spese sostenute per interventi di rifacimento degli ambienti, ad esempio spogliatoi, ingressi, mense fino ad euro 80.000.

Mentre prima la data di utilizzo del Bonus era prevista entro il 31 dicembre, la Legge di Bilancio restringe i tempi. La data entro cui utilizzare il credito di imposta è fissata, quindi, al 30 giugno 2021. Perciò chi voglia utilizzare il credito di imposta in compensazione, o mediante cessione del credito, dovrà farlo entro il 30 giugno 2021.

L’Agenzia delle Entrate, con provvedimento dell’8 gennaio, modificando un suo precedente provvedimento di luglio scorso, fornisce tutte le istruzioni su come fare le comunicazioni. La comunicazione riguardante il credito per l’adeguamento dovrà farsi non oltre il 31 maggio 2021.

 

Approfondimento

Bonus abbonamenti per le famiglie con ISEE inferiore a 20.000 euro

Consigliati per te