Attenzione a cosa si nasconde tra le mandorle ed è potezialmente tossico

Le mandorle sono la frutta secca cui si riconducono più effetti benefici. Oltre agli alti valori nutritivi, è stato studiato che un consumo equilibrato di mandorle protegge il corpo umano da varie malattie. Esse sono anche considerate un alimento completo.

Infatti, una piccola porzione contiene grandi quantità di vitamine E e B, proteine e sali minerali, oltre che grassi buoni. In più contengono proprietà antiossidanti e antinfiammatorie che proteggono da tumori, malattie cardiovascolari e omega 3 contro il colesterolo cattivo. Insomma, le mandorle sono un super food che non dovrebbe mai mancare nella propria dieta.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Acquista lo smartwatch XW 6.0 con il 50% di sconto

Scopri ora l'offerta

Smartwatch

Ma attenzione a cosa si nasconde tra le mandorle ed è potezialmente tossico. Non molti sanno che di mandorle ne esistono anche di amare. Queste, sono considerate per essere un alimento velenoso ma anche un rimedio curativo. Scopriamone proprietà e principi.

Della famiglia delle pesche

Il mandorlo appartiene, come il pesco, alla famiglia delle Rosacee. Tutti e due possiedono fiori bianchi e rosa molto simili, che riempiono i rami col primo caldo. Mandorle amare e pesche hanno in comune il nocciolo.

In entrambi, il nocciolo contiene l’amigdalina. Questa è la sostanza responsabile della velenosità della mandorla amara e del nocciolo di pesca. La caratteristica più evidente è il loro sapore altamente amaro. Quanto più questo è amaro, più sarà superiore la quantità di amigdalina.

L’amigdalina è velenosa solo se consumata in grandi quantità. La sua composizione è simile a quella del cianuro. Per un bambino basterebbero 6 o 7 mandorle amare per restare intossicato.

Attenzione a cosa si nasconde tra le mandorle ed è potezialmente tossico

Le mandorle amare non sono però conosciute solo per la cattiva fama. Esse sono considerate un rimedio fin dall’antica Grecia. Ai tempi, se ne ricavava un’acqua dalle capacità curative.

Oggi, pare che sia proprio la sostanza che le rende velenose a bloccare la crescita delle cellule tumorali. La scienza, però, è ancora all’opera per verificare l’ipotesi nata nel 1950 da Ernst Krebs.

Le mandorle amare hanno anche altri utilizzi. In piccole dosi, conferiscono il tipico aroma ai dolci a base di mandorla. Esse sono ingrediente fondamentale per gli amaretti, per esempio.

Una o due mandorle amare vengono utilizzate anche per ricavare il latte di mandorla.

Inoltre, hanno un’importante applicazione come ingrediente benefico per prodotti cosmetici.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te