Attenzione a chi stava beneficiando della sospensione perché è caduto il divieto di pignoramento della prima casa

In data 22 giugno la Corte Costituzionale è intervenuta con una sentenza storica, ossia la n. 128 del 2021. Essa ha dichiarato incostituzionale lo stop ai pignoramenti sulla prima casa iniziati dal primo gennaio e in scadenza il 30 giugno. Detto divieto era intervenuto per effetto del Decreto Milleproroghe che aveva disposto la sospensione di queste procedure.

Tuttavia, il fatto è che la Corte è intervenuta solo in prossimità della scadenza della misura, quindi in tempo non più utile. In particolare, secondo la Corte Costituzionale la proroga è illegittima, dovendo essere pignorabile la prima casa nel periodo di intervallo decorso. Quindi, attenzione a chi stava beneficiando della sospensione perchè è caduto il divieto di pignoramento della prima casa!

Attenzione a chi stava beneficiando della sospensione perchè è caduto il divieto di pignoramento della prima casa

Per effetto della sentenza intervenuta, tutte le procedure esecutive aventi ad oggetto la prima casa devono essere immediatamente riattivate. Esse, che per effetto della pandemia erano state bloccate, ora possono riprendere il loro corso.

Sicché, in questi ultimi 7 giorni i giudici dovrebbero riattivare le procedure, rivalutando i rinvii già disposti. Questo perchè, normalmente, le sentenze della Consulta hanno valore retroattivo. Tuttavia, per forza di cose, il tempo perso per la sospensione non potrà più essere recuperato.

La motivazione della Corte Costituzionale

Le motivazioni della Corte si fondano su ragioni relative alla prevalenza tra interessi e diritti contrastanti. Essa, infatti, afferma che se è vero che il diritto all’abitazione ha natura sociale, il sacrificio richiesto ai creditori è comunque eccessivo.

Quindi, a fronte dell’esigenza di tutela della prima casa, si sarebbe dovuto adeguatamente valutare la compromissione della tutela creditoria. Il problema che si pone a fronte di questa pronuncia è il valore pratico che essa dovrà avere. Cioè, essendo oramai decorso il tempo utile a tutelare i diritti dei creditori, non si capisce come si possa ripristinare detta tutela.

Approfondimento

Vediamo quali sono le agevolazioni fiscali per chi acquista o ristruttura la prima casa

Consigliati per te