Attenti ai chili di troppo perchè l’obesità è alleata del coronavirus

I contagi in Francia per il coronavirus salgono vertiginosamente. Specialisti dell’Università di Lille stanno cercando di capire se c’è correlazione tra obesità e mortalità da Covid-19. A quanto pare bisogna stare attenti ai chili di troppo perchè l’obesità è alleata del coronavirus.

Un primo approccio all’argomento c’è stato in Italia: medici bolognesi hanno effettuato uno studio e l’hanno pubblicato sullo European Journal of Endocrinology.

L’obesità è un grave problema riscontrabile nell’Occidente. Nel nostro continente ci sono molte persone in sovrappeso oppure obese. I medici francesi hanno approfittato della pandemia per verificare eventuali correlazioni tra obesità e coronavirus.

La ricerca

124 persone affette da coronavirus sono state confrontate con 306 pazienti ricoverati ma per altri motivi. Il coordinatore della ricerca francese ha notato subito che circa la metà dei pazienti affetti da coronavirus presentava obesità, un altro quarto una conformazione molto obesa. Prima di addentrarci nello studio è utile capire come si rileva l’obesità.

Body Mass Index

L’Indice di Massa Corporea (IMC) oppure Body Mass Index (BMI) serve per valutare lo stato del corpo. Questo valore si ricava con una semplice formula matematica. Si divide il peso in chilogrammi con il quadrato dell’altezza in metri. C’è una scala da prendere in considerazione: per valore minore di 16.5 grave magrezza, fino a 18,49 sottopeso, fino a 24,99 normopeso. Da questo valore in poi fino a 29,99 sovrappeso, fino a 34,99 obesità leggera, 39,99 obesità media, oltre 40 obesità grave.

I dettagli

I 124 pazienti affetti da coronavirus hanno tutti un Indice di Massa Corporea dal sovrappeso in poi. Solo 1 su 10 ha presentato un BMI al di sotto di 25. I pazienti non affetti da coronavirus hanno un Indice di Massa Corporea solo per il 50% in sovrappeso fino ad una situazione peggiorativa.

I pazienti in obesità hanno dovuto ricorrere alla ventilazione. I medici francesi non riescono a comprendere il motivo. Intanto meglio stare attenti ai chili di troppo perchè l’obesità è alleata del coronavirus secondo un primo riscontro. L’equipe francese sta portando avanti un altro studio su 1.200 persone in terapia intensiva.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te