Assegni sociali 2021, l’INPS comunica gli importi massimi della NASPI e della CIG

L’INPS, con la circolare n.7 del 21 gennaio 2021, elenca gli aggiornamenti apportati agli importi massimi dei trattamenti di integrazione salariale e dei sostegni al reddito.

La Redazione illustra ai Lettori a quanto corrispondono gli assegni sociali 2021, l’INPS comunica gli importi massimi della NASPI e della CIG.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Acquista lo smartwatch XW 6.0 con il 50% di sconto

Scopri ora l'offerta

Smartwatch

In particolare, l’INPS riporta la misura, in vigore dal primo gennaio 2021, degli Importi massimi degli assegni per: i trattamenti di integrazione salariale; assegno ordinario ed emergenziale del Fondo di solidarietà del Credito e assegno emergenziale del Fondo di solidarietà del Credito Cooperativo; dell’indennità disoccupazione NASPl e dell’indennità disoccupazione DIS-COLL; dell’indennità di disoccupazione agricola, nonché dell’importo mensile dell’assegno per le attività socialmente utili.

Ogni anno gli importi delle suddette prestazioni e la retribuzione mensile di riferimento devono essere aggiornati, applicando il 100% dell’aumento derivante dagli Indici Istat.

Assegni sociali 2021, l’INPS comunica gli importi massimi della NASPI e della CIG

Ecco gli assegni sociali 2021, l’INPS comunica gli importi massimi della NASPI e della CIG:

  • Trattamenti di integrazione salariale.
  • Gli importi vengono calcolati al lordo e al netto della riduzione prevista dalla l. n 41/1986, che corrisponde al 5,84%.
  • Pertanto ove la retribuzione sia inferiore o uguale a 2.159,48, l’importo lordo corrisponderà di 998.18, l’importo netto 939.89.
  • Ove la retribuzione sia superiore a 2.159,48, l’importo lordo sarà di 1.199,72, l’importo netto 1.129,66.
  • Per i contratti di solidarietà, il trattamento sarà pari all’80% della retribuzione totale, che sarebbe spettata per le ore lavorative non prestate.
  • I trattamenti di integrazione salariale per il settore edile dovuti ad intemperie, avrà una maggiorazione del 20%, rispetto all’ordinaria.

Indennità di disoccupazione DIS-COLL e NASPI

La retribuzione di riferimento per l’indennità di disoccupazione DIS-COLL corrisponde ad euro 1.227,55 per l’anno in corso. L’importo non può superare euro 1.335,40.

Per la NASPI, stessi importi, la retribuzione da prendere come riferimento corrisponde ad euro euro1.227,55 per l’anno in corso. L’importo non può superare euro 1.335,40.

Indennità di disoccupazione agricola

Trovano applicazione gli importi massimi stabiliti per il 2020. Gli importi sono pari a quelli previsti per il trattamento di integrazione salariale.

Fondo Credito

Assegno ordinario: è una prestazione di sostegno al reddito in costanza di rapporto lavorativo, corrispondente al 60% della retribuzione mensile, per ore di lavoro non svolte. Entro un massimale diviso in tre fasce.

Assegno emergenziale, è una prestazione di sostegno al reddito che viene concessa in caso di cessazione rapporto lavorativo (lavoratori in esubero).

Per entrambi sono indicate tre fasce di riferimento.

Fondo di Credito Cooperativo

Si prevede solo l’assegno emergenziale. Viene calcolato sulla base dell’80% della retribuzione lorda mensile.

Assegno per attività socialmente utili

L’importo spettante a che svolge questo tipo di lavori è di euro 595,53.

Ecco gli assegni sociali 2021, l’INPS comunica gli importi massimi della NASPI e della CIG  di cui alla circolare n.7 del 21 gennaio 2021.

Approfondimento

Cosa succede con il decesso del pensionato alle quote versate dall’INPS al creditore?

Consigliati per te