Arriverà il bonus spese per chi lavora da casa in smartworking

Da quasi un anno metà della popolazione si è ritrovata a dover cambiare le proprie abitudini e i propri ritmi lavorativi per via dell’emergenza sanitaria del Covid-19.
Il termine smartworking era poco conosciuto e limitato ad alcuni specifici lavori.
Adesso, per prevenire l’ulteriore sviluppo della pandemia, alcuni lavoratori svolgono le proprie mansioni da casa, attraverso il proprio computer e altri sul posto di lavoro.

Arriverà il bonus spese per chi lavora da casa in smartworking?

Tra straordinari e buoni pasto

Il problema da affrontare riguarda il trattamento economico di chi lavora da casa e chi dal proprio ufficio. Pur trovandosi in luoghi differenti esercitano lo stesso lavoro. Di conseguenza, il trattamento dovrebbe essere lo stesso per entrambi.

Tuttavia, richiamando il ricorso al lavoro agile, saranno inevitabili una serie di decurtazioni come, ad esempio, la perdita degli straordinari e dei buoni pasto.

È necessario, inoltre, considerare gli aumenti di spese nelle proprie utenze di casa, seppur bilanciandoli con minori uscite in relazione a spostamenti e a trasporti.

In relazione a ciò si pensa che arriverà il bonus spese per chi lavora da casa in smartworking.

Piano di smartworking semplificato

L’idea che si sta sempre più concretizzando è quella di destinare un bonus spese forfettario per il sovraccarico delle utenze che il lavoratore si trova a dover affrontare.

Altra ipotesi è quella di un pacchetto welfare che valuti guadagni e perdite insieme a benefici di altro genere.

In relazione ai buoni pasto l’analisi è un po’ più complessa. Essendo benefici legati all’orario di lavoro e alla pausa pranzo può essere visto al pari di un nodo gordiano.

Alcuni lavoratori hanno chiesto speciali permessi pur di tornare al proprio lavoro d’ufficio: questo perché, avendo i buoni pasto, – così come gli straordinari – una concretezza economica, ciò avrebbe evitato di avere uno stipendio decurtato.

Non resta che attendere il piano di smartworking semplificato. L’obiettivo è quello di trovare soluzioni alternative per compensare le entrate in busta paga ridotte per chi lavora da casa.

Non resta dunque che attendere il bonus spese per chi lavora da casa in smartworking.

Consigliati per te