Arrivano multe pesantissime per chi frigge e sbadatamente compie questo gesto   

Chissà quante volte dopo avere preparato una bella frittura distrattamente abbiamo gettato l’olio nel lavandino della cucina. Ebbene inconsapevolmente oltre a fare un illecito, stiamo creando un grave danno all’ambiente e al nostro benessere. Noi siamo ciò che mangiamo e ciò che respiriamo, pertanto per una vita lunga e longeva è necessario avere a cuore anche il nostro pianeta. Moltissimi ormai ne sono consapevoli, se solo si pensa a quanti preferiscono la bici elettrica all’auto o scooter. 

Anche se l’attenzione verso l’ambiente aumenta sempre di più a volte può accadere qualche distrazione che può costarci cara. Ebbene arrivano multe pesantissime per chi frigge e sbadatamente compie questo gesto, ovvero getta l’olio esausto nel lavandino o nello scarico del WC. Quest’oggi i consulenti di ProiezionidiBorsa illustreranno in particolare cosa si rischia con questo comportamento. Infatti non soltanto le attività commerciali sono obbligate ad assumere un determinato comportamento, per quanto riguarda i rifiuti, ma lo sono anche le famiglie.

Arrivano multe pesantissime per chi frigge e sbadatamente compie questo gesto

Gettare l’olio utilizzato nel lavandino o WC è un gravissimo errore, sia per l’ambiente sia per i danni che può arrecare alle tubature. Ciò perché non è assolutamente biodegradabile, pertanto può intasare le tubature e il sistema di depurazione delle acque, inquinare mari e fiumi o terreni coltivabili. Inoltre oltre ad essere vietato dal senso civico di ognuno noi è vietato anche dalla legge. Per evitare multe salate, deve raccogliersi in determinati contenitori e portarlo nelle isole ecologiche indicate dal Comune. In alternativa si può contattare il CONOU per sapere quale sia quella più vicina.

Si raccomanda, una volta raccolto, di non lasciarlo vicino ai cassonetti perché è ugualmente vietato, essendo un rifiuto non smaltibile e considerato peraltro pericoloso. Chiunque quindi non provveda a smaltire l’olio nei modi stabiliti dalla legge, rischia multe molto salate. In particolare, la normativa in vigore, ovvero il codice dell’ambiente, prevede sanzioni amministrative pecuniarie di oltre 1.000 euro.  Inoltre, i gestori di attività commerciali rischiano, addirittura, l’arresto.

Consigliati per te