Arriva il ‘termometro’ di gruppo

Il bisogno aguzza l’ingegno digitale. Su D-Link arriva il misuratore di temperatura di gruppo per il monitoraggio di aree ampie e trafficate come scuole, fabbriche, uffici, aeroporti e ospedali. E una soluzione che combina imaging termico e intelligenza artificiale, per fornire un rapido e affidabile rilevamento della temperatura superficiale della pelle per un massimo di 30 persone contemporaneamente.

Lo screening diventa intelligente

D-Link, società specializzata nelle tecnologie Wireless e di connettività, nelle soluzioni di Smart Home e Videosorveglianza, ha inventato questo curioso kit all-in-one per lo screening della temperatura corporea, completo di telecamera termografica a doppio obiettivo, calibratore a corpo nero e software di gestione integrato con un sistema di riconoscimento facciale. Si chiama DCS-9500T e combina la tecnologia di imaging termico con l’intelligenza artificiale. Verificare il superamento della soglia standard di temperatura e lancia automaticamente l’allarme in caso di temperatura troppo alta.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Acquista lo smartwatch XW 6.0 con il 70% di sconto

Scopri ora l'offerta

Smartwatch

Perfetto per le aree ampie e trafficate

Arriva il ‘termometro’ di gruppo. Questa tecnologia è stata progettata specificamente per il monitoraggio di aree ampie e trafficate. Infatti è idonea per aree come scuole, fabbriche, uffici, aeroporti e ospedali. Di fatto abilita un rapido e simultaneo rilevamento della temperatura superficiale della pelle per un massimo di 30 persone contemporaneamente. Il tutto in un raggio di 30 metri quadri, con una precisione ±0,3°C. Non misura quindi la temperatura corporea effettiva di ogni singolo corpo umano, che dovrebbe essere ulteriormente confermata da dispositivi di misurazione clinica.

Arriva il ‘termometro’ di gruppo

L’integrazione nei sistemi esistenti è facilitata dal fatto che la soluzione è compatibile con ONVIF. Open Network Video Interface Forum è una organizzazione che si propone di favorire la compatibilità tra le apparecchiature impiegate nella videosorveglianza, basate sul protocollo di comunicazione IP. In particolare, punta a rendere interoperabili alcuni sistemi, realizzati da aziende differenti. Inoltre, la telecamera include il supporto power over ethernet. Si tratta di una tecnica che permette di alimentare le apparecchiature utilizzando lo stesso cavo che le collega alla rete dati Ethernet, rendendola ancora più flessibile e di facile installazione.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te