APPLE: nel giorno dell’iPhone8, 8 Plus e iPhone X, quale futuro per il titolo? Le attese per il lungo periodo

Fonte MilanoFinanza

Come reagirà il titolo a Wall Street? Guardando al passato, gli analisti di Ubs hanno messo in evidenza come nel caso degli ultimi cinque lanci dei nuovi iPhone (5, 5s, 6, 6s e 7) la quotazione di Apple, che capitalizza 845 miliardi di dollari, abbia replicato uno schema ben definito: in calo nelle due settimane precedenti l’evento (con eccezione per iPhone5s in rialzo del 3,6%), in progresso o in flessione dell’1-2% il giorno dell’evento, in crescita dal giorno dell’evento alla disponibilità sul mercato del prodotto due settimane dopo (con eccezione per iPhone5s in discesa del 4,5%), in calo nelle due settimane successive e infine in incremento nei quindici giorni che precedono l’annuncio degli utili.

Detto questo, gli specialisti dell’investiment bank hanno concluso che, superata la fase di debolezza di breve termine, il titolo abbia buone chance per mettere a segno una performance superiore a quella dell’indice S&P in una prospettiva a 6-12 mesi. In base alle loro proiezioni da un livello attuale di 161,50 dollari, il gigante di Cupertino (fondato nel 1976 e che impiega attualmente circa 110 mila persone) ha infatti un potenziale di rialzo dell’11,5% fino a target price di 180 dollari per azione. A questa quotazione corrisponde un p/e (prezzo/utile) 2018 di 16, che è considerato coerente con una stima dell’eps (utile per azione) di 11,15 dollari.

Anche gli analisti di Rbc Capital Markets indicano un prezzo obiettivo di 180 dollari, ma nello scenario più positivo, che ipotizza un successo dei nuovi prodotti/servizi superiore alle attese, arrivano a una valutazione del titolo di 205 dollari. Viceversa nello scenario più negativo, che prevede una perdita di quote di mercato sia nel segmento degli smartphone sia in quello dei tablet, scendono a 115 dollari. I ricavi dell’intero esercizio 2017 sono stimati pari a 227,5 miliardi di dollari, in aumento da 215,6 del 2016, mentre l’utile per azione (eps) rettificato salirà a 8,96 dollari (da 8,28 dello scorso anno).


Analisi di Proiezionidiborsa

Da inizio 2017 sul titolo è in corso una proiezione rialzista che ha portato le quotazioni da area $135 fin su in area $165. Allo stato attuale le quotazioni non hanno ostacoli sul cammino che porta al I° obiettivo naturale in area $174.47. Alla rottura di questo obiettivo/resistenza le quotazioni punterebbero il II° obiettivo naturale in area $261.84.

Solo rotture, confermate in chiusura mensile, di area $141.4 indebolirebbero il titolo.

blank

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te