Presentazione del sistema Antigrid - Live Webinar - Iscriviti ora!

Apple sotto attacco? La discesa potrebbe continuare

Il recupero odierno, seppure limitato, delle Borse assume una valenza ancora più rilevante alla luce del crollo di quasi il 6% registrato da Apple (AAPL).

Il titolo si è così riportato ai minimi degli ultimi due mesi.

Cosa è accaduto al titolo di Cupertino?

Al di là delle ormai ovunque striscianti per la guerra dei dazi, Apple ha subito il contraccolpo di una decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti.

Causa persa contro i consumatori: rischio class action e multa pesante

Apple ha infatti perso una delicatissima causa contro i consumatori che l’accusavano di sfruttare la propria posizione dominante per ricaricare in modo eccessivo i prezzi sull’App Store.

Di fatto una sconfitta tribunalizia che apre le porte ad una costosissima class action.

La Corte Suprema americana degli Stati Uniti ha nel concreto dato il via libera  a una causa basata sull’antitrust di procedere contro Apple.

L’azienda della mela mangiucchiata rischia così una multa di centinaia di milioni di dollari.

Il massimo organo giudiziario statunitense ha privilegiato la linea dei legali dei consumatori.

I giudici hanno assunto la convinzione che il produttore dell’iPhone stia di fatto monopolizzando il mercato delle applicazioni.

E questo consente ricarichi sui prezzi delle applicazioni stesse ritenuti eccessivi.

La cosa strana è che la maggioranza all’interno del collegio giudicante è stata minima: cinque voti a favore e quattro contro.

Apple sotto attacco? La discesa potrebbe continuare ultima modifica: 2019-05-15T07:02:43+02:00 da Gianluca Braguzzi

Trova il tuo broker

Tickmill
XM
Ava Trade

Le Fonti TV

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.