Altro che broccoli al forno è il cavolfiore cucinato in questo modo il vero re della cucina

Il cavolfiore, insieme ai broccoli e agli spinaci è uno dei veri protagonisti della stagione invernale.

Si tratta di un ortaggio davvero salutare e ricco di elementi utili per l’organismo. Dalla presenza di numerose vitamine alle proteine passando per l’assenza di colesterolo il cavolfiore è davvero l’ortaggio perfetto.

In cucina può essere preparato in diversi modi, si adatta bene sia alla bollitura che alla cottura in forno o alle fritture.

Una delle ricette più apprezzate di sempre, specialmente da chi ama il cibo un po’ speziato, è quella delle bistecche di cavolfiore.

Prepararle è molto semplice e sarà possibile farle scaldare sia in padella che al forno. Al forno sarà preferibile se si vuole una pietanza più leggera. Quindi altro che broccoli al forno è il cavolfiore cucinato in questo modo il vero re della cucina.

Per chi, invece, bada alla linea il cavolfiore sarà perfetto bollito, senza aggiunta di olio né altri ingredienti.

Ingredienti:

  • 1 cavolfiore;
  • 4 cucchiaini di curcuma;
  • 2 cucchiai di timo;
  • grani di pepe nero, quanto basta;
  • sale, quanto basta;
  • olio evo, quanto basta.

Altro che broccoli al forno è il cavolfiore cucinato in questo modo il vero re della cucina

Prendere il cavolfiore per lavarlo e pulirlo accuratamente utilizzando l’acqua corrente. Una volta rimosse le foglie esterne dovrà essere tagliato con un coltello, meglio se ben affilato, in fette.

Le fettine di cavolfiore dovranno avere uno spessore di un paio di centimetri, più sono spesse e più ci metteranno a cuocere.

Prendere una teglia da forno e rivestirla con della carta su cui si dovranno sistemare le fette di cavolfiore. Per una cottura ottimale sarà importante disporle ad una distanza adeguata l’una dall’altra.

Mettere le spezie in una ciotola insieme ai grani di pepe e mescolare il tutto. A questo punto cospargere il cavolfiore con le spezie e aggiungere l’olio extravergine d’oliva secondo il proprio gusto personale.

Fare preriscaldare il forno a circa 200 gradi e, una volta caldo, cuocere per una ventina di minuti. I tempi di cottura varieranno a seconda dello spessore della fetta di cavolfiore. Quando si noterà il cavolfiore morbido e dorato starà a significare che è pronto ed è ora di spegnere il forno.

Le bistecche di cavolfiore andranno servite ancora calde, meglio se appena sfornate.

In padella

In padella bisognerà seguire lo stesso procedimento ma aggiungere mezzo bicchiere di acqua e dell’olio d’oliva. Questo per evitare che durante la cottura il cavolfiore si asciughi eccessivamente. Cuocere prima il cavolfiore fino a quando non sarà morbido per poi aggiungere le spezie e il sale.

Lasciare ancora su fuoco medio per un paio di minuti prima di servirlo in tavola.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te