Altro che all’insalata o gratinato al forno, ecco come cucinare il cavolfiore in modo semplice per ottenere un goloso contorno col minimo sforzo

Il cavolfiore è un ortaggio molto amato. Il suo contenuto di fibre, vitamine e sali minerali come calcio, fosforo e manganese lo rende un alimento molto nutriente.

In cucina, inoltre, si presta a ricette di ogni tipo, talvolta anche creative e originali. Un esempio ne è la finta pizza di cavolfiore oppure questa versione alternativa del gattò. Se però non hanno intenzione di preparare una pietanza più elaborata, ma un semplice contorno, molti lo fanno all’insalata, lo gratinano o si limitano a bollirlo.

Esistono però anche delle alternative e con questa ricetta ne vedremo una. Altro che all’insalata o gratinato al forno, ecco come cucinare il cavolfiore in modo semplice per ottenere un goloso contorno col minimo sforzo.

La nostra proposta è di cucinarlo in umido, un sistema di cottura per carni, pesci e verdure. In un recipiente che garantisca una buona conduzione di calore, si rotola l’alimento in un grasso e in seguito lo si fa cuocere in poco liquido, lentamente e a lungo.

Ingredienti per 4 persone

  • 1 cavolfiore;
  • 1 spicchio di aglio;
  • brodo, sale, pepe, olio extravergine di oliva q.b.;
  • 1 cucchiaio di concentrato di pomodoro.

Altro che all’insalata o gratinato al forno, ecco come cucinare il cavolfiore in modo semplice per ottenere un goloso contorno col minimo sforzo

Il primo passo è lavare e pulire il cavolfiore, per poi tagliarne le cimette. Cuocerle a vapore per dieci minuti, prestando attenzione affinché non diventino molle. In seguito, tagliarle a fettine in senso verticale. Dunque prendere una larga padella antiaderente e versare al suo interno quattro cucchiai di olio, mettendovi a dorare l’aglio.

Aggiungere le cimette di cavolfiore e cuocerle a fuoco vivace, finché non acquisiscono colore. Dopo la rosolatura, insaporire con sale e pepe. Diluire il concentrato di pomodoro in un po’ di brodo, quindi versarlo nella padella con il resto degli ingredienti. Mettere il coperchio e far cuocere a fuoco lento. Se necessario, aggiungere altro brodo di tanto in tanto. Al termine della cottura, servirli ancora caldi.

Come abbiamo visto, questa ricetta è molto semplice da preparare. L’unico inconveniente, come sempre quando si cucina il cavolfiore, è lo sgradevole odore che sprigiona durante la cottura. Tuttavia, cucinare sia quest’ortaggio che le altre crucifere senza cattivi odori è possibile con questi rimedi casalinghi che scacceranno la puzza.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te