Altro che alla cacciatora o in umido, con questa ricetta veloce il coniglio sarà così tenero da sciogliersi in bocca

La carne di coniglio non è molto popolare. Basta notare il banco carni di un qualsiasi supermercato o della nostra macelleria di fiducia. In prima linea troviamo sempre quella di maiale, quella di vitello e in genere il pollo.

Vari tagli e preparazioni, come gli insaccati, ma molto raramente vediamo esposta la carne di coniglio. In realtà questa carne non è solo molto gustosa, ma anche molto magra e digeribile. Contiene poco colesterolo e si presta a tantissime preparazioni.

Il problema principale è che, essendo molto magra, se non cucinata nel modo giusto può risultare secca. Ma basta aggiungere una dose di grasso ed ecco che abbiamo un piatto così buono da leccarsi i baffi.

Altro che alla cacciatora o in umido, con questa ricetta veloce il coniglio sarà così tenero da sciogliersi in bocca

Ogni morso sarà una vera goduria e tutti si chiederanno quale sia il nostro segreto. Non indovineranno mai che abbiamo usato la birra.

Ingredienti per 4 persone

  • 4 cosce di coniglio;
  • 12 fette di pancetta stesa;
  • 1 bicchiere di birra;
  • 150 gr di pomodorini;
  • 1 carota;
  • bacche di ginepro;
  • rosmarino;
  • 1 noce di burro;
  • brodo vegetale o di carne;
  • olio Evo;
  • sale e pepe q.b.

Procedimento:

  • Prendiamo le cosce di coniglio e avvolgiamole nella pancetta stesa. In base alla grandezza potrebbero servire più fette, la carne deve essere tutta coperta. Se serve fissiamo la pancetta con degli stuzzicadenti;
  • In una padella dai bordi alti versiamo dell’olio Evo e una noce di burro. Aggiungiamo la carota tagliata a cubetti molto piccoli, del rosmarino e qualche bacca di ginepro e facciamo rosolare. Dopo qualche minuto aggiungiamo le cosce di coniglio e alziamo la fiamma;
  • Versiamo poco più della metà del bicchiere di birra. Anche in questo caso regoliamoci in base alla grandezza delle cosce e aspettiamo che l’alcol evapori;
  • Ora, a fuoco medio, versiamo un mestolo di brodo preparato con il nostro dado fatto in casa. Muoviamo in padella le cosce con un cucchiaio e aggiungiamo il brodo appena il fondo sarà secco;
  • Dopo circa 15 minuti aggiungiamo i pomodorini tagliati a metà e aggiustiamo di sale e pepe. Versiamo una dose generosa di brodo vegetale e copriamo con un coperchio. Lasciamo cuocere per altri 10 minuti;
  • Togliamo il coperchio, alziamo la fiamma e aspettiamo che il sughetto si restringa. Se la carne ci sembra già cotta, togliamo le cosce dalla padella e mettiamole da parte. A questo punto aggiungiamo un cucchiaio di farina o amido di mais per addensare la salsa;
  • Impiattiamo ogni coscia con una manciata di pomodorini e carote e una generosa dose di salsina.

Quindi, altro che alla cacciatora o in umido, proviamo a cucinare così il coniglio se vogliamo stupire gli ospiti. Con qualche trucco furbo anche alimenti meno amati possono diventare piatti succulenti. Come ad esempio il nasello che in genere prepariamo al forno, trasformato in polpettine è davvero gustoso.

Approfondimento

Tanti non la mangiano eppure questa carne magrissima a basso contenuto di colesterolo è gustosissima cucinata così

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te