Allora l’oro è veramente diretto verso area 3.500 dollari?

Settimana scorsa parlavamo di sventato pericolo affondo, dopo un’altra settimana allora l’oro è veramente diretto verso area 3.500 dollari?

Nei mesi scorsi l’oro è sceso tra a seguito della crescita dei rendimenti obbligazionari dopo che i forti dati economici statunitensi hanno alimentato l’ottimismo di una ripresa globale. Recentemente le vendite di nuove case negli Stati Uniti sono rimbalzate bruscamente a marzo al massimo dal 2006. Ciò suggerisce che il mercato immobiliare è tornato a correre dopo che le tempeste invernali hanno indebolito la domanda a febbraio.

Sembrerebbe, quindi, che ci siano tutti i presupposti per una continuazione al ribasso per l’oro, ma le ultime settimane sono state tutte al rialzo.

Come comportarsi?

Bisogna studiare attentamente i grafici e individuare i livelli chiave oltre i quali si può avere un’inversione di tendenza o un’accelerazione di quella in corso.

Allora l’oro è veramente diretto verso area 3.500 dollari? Le indicazioni dell’analisi grafica

L’oro (prezzo in tempo reale) ha chiuso la seduta del 23 aprile in ribasso dello 0,24% rispetto alla seduta precedente a quota 1.777,8 dollari. La settimana, invece, si è chiusa con un ribasso dello 0,13%.

Anche se con qualche difficoltà le quotazioni sono riuscite a confermare a livello settimanale la rottura della resistenza in area 1.749,1 dollari confermando lo scenario che vede il raggiungimento di area 1.871,5 dollari (I obiettivo di prezzo). Gli obiettivi a seguire si trova in area 2.065,6 dollari, prima, e 2.258,4 dollari, poi.Il raggiungimento dell’obiettivo in area 2.065,6 dollari è particolarmente importante in ottica mensile.

Una chiusura mensile superiore a 2.000 dollari, infatti, avrebbe un duplice effetto:

  1. rottura dei massimi storici con tutte le conseguenze bullish che ne possono derivare;
  2. rottura della prima resistenza lungo il cammino rialzista che ha come massima estensione area 3.500 dollari.

Diventa, quindi, particolarmente importante una chiusura sopra i massimi storici. Questo livello, quindi, va monitorato con la massima attenzione nei prossimi mesi.

Time frame settimanale

oro

Le linee oblique rosse rappresentano i livelli di Running Bisector; le linee orizzontali i livelli de La Nuova Legge della Vibrazione. Sulla sinistra è mostrato il volume per ciascun livello di prezzo. Il pannello intermedio riporta il segnale di BottomHunter. Il minimo sul time frame considerato è segnato quando è uguale a 1. Il pannello dei volumi mostra il volume scambiato per ciascuna barra confrontato con una media mobile esponenziale zero lag a 20 periodi. Nel pannello inferiore è mostrato lo Swing Indicator che mostra i segnali al rialzo e al ribasso sullo strumento in questione.

Time frame mensile

oro

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te