Alcune idee geniali per utilizzare al meglio le migliori piante officinali di maggio 

Nonostante il classico e ultimo colpo di coda dell’inverno, siamo pronti a entrare ufficialmente nella primavera. Non ci tragga in inganno la copiosa neve caduta sulle Alpi, perché di qui a poco, sbocceranno tutte le piante e i fiori stagionali. Ecco, allora, alcune idee geniali per utilizzare al meglio le migliori piante officinali di maggio, sfruttando le loro virtù benefiche. Prepariamoci a raccogliere il Fiordaliso, il Sambuco, la Rosa Canina e tante altre.

Infusi e decotti al top dell’utilizzo

Infusi e decotti rimangono probabilmente gli utilizzi più comuni anche per le piante officinali primaverili. Non facciamo l’errore di abbinarle esclusivamente all’inverno e al piacere di una calda tazza rilassante. Perché alcune idee geniali per utilizzare al meglio le migliori piante officinali di maggio, prevedono di berle anche in piena estate. Quando, infatti, col sudore, ci disidratiamo, nulla di meglio di reintegrare con delle tisane benefiche, invece delle classiche bibite gasate e piene di zuccheri. Ecco, perché dall’Asperula alla Bocca di Lupo, possiamo tranquillamente utilizzarle anche nei prossimi mesi.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
XW 6.0, lo smartwatch di ultima generazione ad un prezzo incredibile.

SCOPRI DI PIU’

Smartwatch

Il macerato per chi soffre di debolezza

Quando anni fa non esistevano ancora gli integratori vitaminici, erano i cosiddetti “macerati” a ridonare le forze che venivano a mancare in primavera. Non dimentichiamo che la macerazione è ideale anche come tipo di utilizzo, perché non prevede la fase a caldo. Quindi, anche psicologicamente, in una calda giornata primaverile o estiva, non ci sentiamo prevenuti in questo senso. Ma, per chi non lo sapesse, come facciamo a macerare correttamente una pianta officinale? Seguendo questa semplicissima procedura:

  • prendiamo una tazza, possibilmente di terracotta e inseriamo un litro d’acqua, assieme a circa 100 grammi di pianta fresca;
  • lasciamo a riposo per una decina di ore, anche senza coperchio, ma in un posto comunque protetto;
  • filtriamo e scoliamo in una bottiglia, bevendone circa mezza tazza alla volta.

Il macerato, come dicevamo è anche un ottimo dissetante energetico naturale.

La comodità dell’estratto in polvere

Se vogliamo approfittare delle erbe officinali, ma con la comodità di trovarle già pronte, nessun problema, perché in erboristeria le troveremo già in polvere. A questo punto, potremmo direttamente versare un cucchiaino di prodotto per ogni tazza, magari aggiungendo un po’ di limone o di miele. Mettiamo a scaldare nel microonde per un minuto ed estraiamo per gustarci la nostra erba officinale, in grado di portare assoluto benessere al nostro intestino.

Approfondimento 

È da tutti considerata la verdura più benefica ma non a tutti fa lo stesso effetto provocando dei disturbi

Consigliati per te