Alcune cause del mal di testa potrebbero essere questi comuni farmaci del tutto inaspettati

“Il mal di testa ti blocca” sostiene una nota pubblicità ed è proprio così. Quando arriva può essere talmente invalidante che non riusciamo più a compiere quelle semplici azioni quotidiane. Non riusciamo più a concentrarci bene. E quando il limite di sopportazione è stato superato, prendiamo un antidolorifico.

Il mal di testa è la condizione più diffusa in tutto il Mondo e tutti siamo “colpiti” dal dolore, a volte anche una volta la settimana. Avere mal di testa o fitte alla testa, comprensive di quelle scariche della durata di qualche secondo, è una condizione normale e non particolarmente preoccupante.

Infatti, può essere causata dal freddo, dalla cervice infiammata, da traumi, da influenza, da apnea notturna e situazioni varie. Piuttosto quando è accompagnato da altri sintomi più invasivi e invalidanti, dovremmo consultare il medico di fiducia.

Inoltre, vi è una classificazione del mal di testa a seconda della localizzazione del dolore e dell’intensità. Per esempio, quella più comune è la cefalea, dove il dolore è localizzato in entrambe le tempie e può essere causato da stress, dalla mancanza di sonno o dal digiuno.

Insomma, possono essere diverse la cause del mal di testa, dalle più blande alle più serie. Solitamente assumiamo un farmaco che vada ad attutire il dolore, anche senza prescrizione medica visto che questi sono farmaci da banco. Eppure, alcune cause del mal di testa potrebbero essere questi comuni farmaci del tutto inaspettati.

I farmaci che lo combattono

Potrebbe sembrare totalmente inaspettato, ma l’Istituto Superiore di Sanità sostiene che il mal di testa potrebbe essere causato anche dai farmaci antidolorifici che lo dovrebbero contrastare. Ma ciò deve essere accompagnato da alcune condizioni. Per esempio l’assunzione dei farmaci antidolorifici almeno per 2 o 3 volte a settimana e per un tempo di almeno 3 mesi.

Vi sono persone che devono necessariamente prendere antidolorifici prescritti tassativamente dal medico per curare alcune patologie. L’ISS afferma che questi pazienti non dovrebbero essere colpiti dal mal di testa, ma quelli che solitamente sono colpiti, invece, sono proprio i pazienti che assumono antidolorifici per la cura della cefalea.

Questo mal di testa da farmaci antidolorifici viene chiamato cefalea di rimbalzo. E la sua percentuale di causa è molto elevata se sussistono le condizioni citate poc’anzi, anche se le dosi consigliate sono rispettate. Infatti, la cefalea di rimbalzo è causata da uno stop improvviso di assunzione degli antidolorifici, poiché il nostro corpo si è, appunto, abituato ai suoi principi. Di conseguenza, ritorna il mal di testa e assumiamo un altro farmaco e così via.

Alcune cause del mal di testa potrebbero essere questi comuni farmaci del tutto inaspettati

L’ISS stila una lista dei farmaci antidolorifici che dovremmo assumere con molta cautela e moderazione proprio per evitare eventuali e future cefalee di rimbalzo da antidolorifici come i FANS, il paracetamolo e i triptani.

Approfondimento

Non solo problemi ai reni ma anche calcio e ferro scivolerebbero giù a causa di questi innocui farmaci

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te