Al via i nuovi ecobonus fino a 6.000 euro per l’acquisto di veicoli a basse emissioni  

Al via i nuovi ecobonus fino a 6.000 euro per l’acquisto di veicoli a basse emissioni.

A partire dalle ore 10:00 di martedì 1 settembre, è nuovamente possibile accedere alla piattaforma ecobonus.mise.gov.it per prenotare i contributi per l’acquisto di veicoli a basse emissioni di categoria M1. Ciò è reso possibile grazie al rifinanziamento di ulteriori 400 milioni di euro. Cosa comporta tutto questo all’atto pratico? Che i contributi andranno ad affiancare i nuovi contratti di acquisto di auto, purché rientranti nei parametri di legge. Vediamo quindi, più in dettaglio, cosa significa che sono al via i nuovi ecobonus fino a 6.000 euro per l’acquisto di veicoli a basse emissioni.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Aloe Vera Slim, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Aloe Vera

Due fasce di emissioni

Il Decreto Agosto è intervenuto in merito alle fasce di emissioni, argomento introdotto con il Decreto Rilancio. Per cui ora le emissioni di CO2 possono essere distinte in due distinte fasce, così come segue:

a) emissioni di CO2 comprese tra 61 e 90 g/km;

b) emissioni di CO2 comprese tra 91 e 110 g/km.

Stanziamenti

Si può quindi contare su uno stanziamento di:

a) 100 milioni di euro per l’originario ecobonus finalizzato all’acquisto di autovetture comprese nelle fasce 0-20 g/km Co2 e 21-60 g/km Co2;

b) 50 milioni di euro per l’erogazione dei contributi aggiuntivi introdotti con il decreto Rilancio per le medesime fasce;

c) 250 milioni di euro verranno invece destinati per le autovetture di fascia superiore, con la seguente ripartizione: 150 milioni di euro per la fascia 61-90 g/km e 100 milioni per la fascia 91-110 g/km.

Queste risorse serviranno a finanziare il contributo per l’acquisto dei nuovi veicoli con o senza rottamazione. La data limite è quella del 31 dicembre 2020.

Contributi per vecchie fasce emissione

I contributi concessi per gli autoveicoli rientranti nelle fasce di emissioni comprese nel range 0-20 g/km e 21-60 g/km sono rispettivamente:

a) 0-20 g/km: 6.000 euro con rottamazione e 4.000 senza rottamazione;

b) 21-60 g/km: 2.500 euro con rottamazione e 1.500 senza rottamazione.

Sulla pagina ministeriale è altresì specificato che alle due fasce potranno aggiungersi 2.000 euro con rottamazione e 1.000 senza rottamazione fino al 31 dicembre 2020.

Contributi per nuove fasce di emissione

Riguardo alle due nuove fasce di emissioni (61-90 g/km e 91-110 g/km), i contributi messi a disposizione sono i seguenti:

a) 61-90 g/km: 1.750 euro con rottamazione e 1.000 euro senza rottamazione;

b) 91-110 g/km: 1.500 euro con rottamazione e 750 euro senza rottamazione.

Si segnala, altresì, che l’ecobonus relativo alle due nuove fasce di emissione potrà essere richiesto solo per i veicoli acquistati e immatricolati a partire dal 15 agosto 2020 in avanti. Chi fosse interessato è bene che si attivi, in quanto dai rumors in circolazione, sembra che a distanza di qualche ora dalla nuova attivazione della piattaforma, le movimentazioni siano numerose. Ecco cosa significa che sono al via i nuovi ecobonus fino a 6.000 euro per l’acquisto di veicoli a basse emissioni.

Consigliati per te