Ai minori DSA spetta l’indennità di frequenza

Il concetto di DSA è ormai noto e diffuso. Tutti sanno delle possibilità che ai bambini con questa diagnosi spettano, per esempio, a scuola.

Si tratta di bambini o adolescenti che incontrano certe difficoltà nello svolgere le funzioni e le attività che sono tipiche e normali a quella età. Vediamo quando  ai minori DSA spetta l’indennità di frequenza.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Intanto spetta ai minorenni cittadini italiani che abbiano apposita certificazione che attesta quanto segue. Trattasi di “minore con difficoltà persistenti a svolgere le funzioni proprie dell’età”. Inoltre il minore in questione deve frequentare scuole pubbliche o private parificate. Può anche frequentare corsi specifici o attività mirate presso centri di assistenza diurna o strutture ambulatoriali.

Non deve, invece, essere ricoverato stabilmente in strutture assistenziali apposite. È previsto anche un limite di reddito, che non deve superare i 4.906,72 euro annui .

Cosa è l’indennità di frequenza per i DSA

In presenza di questi requisiti non è detto che venga riconosciuta in automatico l’indennità di frequenza.

Occorre presentare il minore ad una visita medica apposita, dinanzi alla commissione medica che accerta le invalidità e riconosce le relative indennità. La commissione dovrà valutare il grado di compromissione scolastica causato dal disturbo. Nonché decidere se il minore rientri o meno nei parametri previsti dalla legge. Fondamentale per rientrare nei parametri di legge è che la difficoltà del minore non sia transitoria, ma permanente.

Una volta in possesso del certificato medico, si potrà fare domanda dell’indennità di frequenza sul sito dell’INPS. La prenotazione sul sito INPS deve avvenire entro novanta giorni dalla data del certificato della commissione medica.

L’INPS fisserà una visita presso la ASL di riferimento del minore. L’esito di questa visita viene, di solito, inviato alla famiglia del minore per raccomandata. L’indennità di frequenza, se riconosciuta, viene erogata fino al compimento dei 18 anni. Le mensilità possono essere nove o dodici a seconda del fatto che il minore frequenti o meno anche centri estivi oltre alla scuola ordinaria.

Per il 2020 l’importo mensile erogato era di euro 286,81. Sul sito INPS verranno pubblicate, appena note, le cifre eventualmente modificate per il 2021.

Abbiamo chiarito, dunque, in quali casi ai minori DSA spetta l’indennità di frequenza.

Consigliati per te