Abbiamo sempre sbagliato a pensare che chi soffre di questa malattia della pelle dovesse assolutamente evitare di prendere il sole perché non sempre è così

Con l’avvicinarsi della bella stagione, uno dei nostri pensieri principali è quello di sfoggiare una perfetta abbronzatura. Per raggiungere l’obiettivo stiamo ore ed ore al sole come se fossimo delle lucertole.

I pareri scientifici sull’esposizione diretta ai raggi solari però sono discordanti. Alcuni specialisti consigliano di prendere il sole dato che è molto importante per il nostro benessere. Tutti siamo a conoscenza che attraverso l’esposizione al sole otteniamo fonti elevate di vitamina D.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Contrariamente però molti dermatologi ci mettono in guardia da una scorretta esposizione senza alcun tipo di precauzioni. Ci consigliano di evitare un’esposizione al sole nelle ore di punta e senza protezione solare in quanto questi comportamenti potrebbero generare gravi problemi di salute.

A proposito di salute, l’argomento si fa ancora più interessante se soffriamo di vitiligine. Questa rappresenta la carenza che alcuni soggetti riscontrano di melanina che provoca un difetto di pigmentazione della pelle.

Abbiamo sempre sbagliato a pensare che chi soffre di questa malattia della pelle dovesse assolutamente evitare di prendere il sole perché perché non sempre è così

Alcuni autorevoli dermatologici hanno spiegato che l’esposizione ai raggi solari di soggetti affetti da vitiligine non arreca danni, ovviamente se fatta seguendo le regole che valgono per tutti. Questo perchè bisogna tenere bene in mente, infatti, che i raggi UV emanati dal sole possono essere potenzialmente pericolosi per tutti e non soltanto per coloro che hanno una carenza di melanina. La regola generale che tutti dovrebbero rispettare è quella di munirsi di adeguata protezione solare e non esporsi mai al sole nelle ore più calde.

Chi soffre di vitiligine si trova in una condizione deficitaria dato che la mancanza di melanina non scherma perfettamente la pelle dai raggi UV.

Abbiamo sempre sbagliato a pensare che chi soffre di questa malattia della pelle dovesse assolutamente evitare di prendere il sole perché perché non sempre è così.

Ciò che ci suggeriscono molti esperti sul campo è di prestare molta attenzione. Soprattutto nelle zone di pelle più chiare, bisogna utilizzare creme solari altamente protettive in modo tale da non andare a bruciare la pelle.

Inoltre l’ideale sarebbe quello di evitare di esporsi al sole nelle ore più calde della giornata in modo da evitare ustioni o problemi dermatologici. Ma, come detto, si tratta di regole di buon senso che valgono per ognuno di noi.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te