Abbiamo il tavolo sbagliato se la pasta sfoglia viene male oppure il colpevole è il mattarello

Per realizzare una pasta sfoglia perfetta non bastano le mani e la buona volontà. Ci vogliono anche il tavolo o la spianatoia giusta. Vediamo oggi, con il nostro Team Cucina di ProiezionidiBorsa, come capire se la pasta sfoglia viene male per colpa delle nostre unghie troppo lunghe o delle nostre attrezzature di cucina.

Il tradizionale (e delicato) tavolo di marmo

Abbiamo il tavolo sbagliato se la pasta sfoglia viene male oppure il colpevole è il mattarello.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Le nostre nonne impastavano con amore sul tavolo di marmo, un materiale che presenta molti vantaggi. Tanto da essere tornato di gran moda nelle cucine country.

La superficie del marmo è liscia, fredda e levigata. Perfetta non solo per stendere la pasta, ma anche per temperare il cioccolato e stendere il croccante. Attenzione però: è sensibile ai graffi e alle sostanze acide.

Dunque, evitiamo di usare oggetti taglienti in modo maldestro e di pulirla con detergenti acidi. Per non macchiarlo, non appoggiamoci sopra limoni tagliati a metà, che sono acidi e sgocciolano facilmente.

Abbiamo il tavolo sbagliato se la pasta sfoglia viene male oppure il colpevole è il mattarello

Se una sfoglia non ci soddisfa, può dipendere anche dalla spianatoia, il tradizionale e grande tagliere per impastare. La classica di legno deve essere in faggio, betulla, abete, tiglio, bambù, ulivo. Attenzione alle spianatoie fatte di multistrato, i legnami usati potrebbero essere scadenti e formare delle gobbe.

Mai acquistare spianatoie senza il bordino rialzato che serve per fissare la base al tavolo o al ripiano della cucina. Se la spianatoia si muove troppo, non potremo mai lavorare bene la sfoglia. Le spianatoie migliori sono dotate anche di un bordino superiore.

In questo modo gli impasti, le farine o i condimenti non fuoriescono dal piano, finendo sul pavimento. Qualcuno preferisce le spianatoie in acciaio inox, che sono care ma indistruttibili, semplici da pulire e sottili da riporre tra i mobili componibili o negli angoli. Le spianatoie in silicone sono meno stabili, dunque acquistiamo solo quelle col tappetino antiscivolo. Entrambe, quelle in acciaio o silicone si puliscono in un attimo con un panno bagnato.

Tutta colpa del mattarello

Se la pasta sfoglia non viene e la spianatoia è perfetta, può anche essere colpa del mattarello di legno. Che non è ben pulito. Alla fine di ogni impasto, va cosparso d’olio e poi strofinato con mezzo limone intinto nel sale.

Nei casi più ostinati di vecchie incrostazioni, utilizziamo un vecchio spazzolino da denti e strofiniamo con sale e e bicarbonato. Questi trattamenti sono ottimi anche per pulire alla perfezione il tavolo o la spianatoia di legno.

Consigliati per te