A Wall Street non c’è ancora coralità per cui il pericolo di un ribasso è ancora dietro l’angolo

L’inizio dell’anno è stato particolarmente positivo per i mercati americani. Tuttavia, a Wall Street non c’è ancora coralità per cui il pericolo di un ribasso è ancora dietro l’angolo.

In particolare, mentre l’S&P500 e il Nasdaq Composite sono saldamente impostati al rialzo, il Dow Jones è in bilico tra ribasso e rialzo.

A Wall Street non c’è ancora coralità per cui il pericolo di un ribasso è ancora dietro l’angolo: le indicazioni dell’analisi grafica

Dow Jones

Il Dow Jones (DJ30) ha chiuso la seduta del giorno 12 gennaio a quota 36.290,32 in rialzo dello 0,11% rispetto alla seduta precedente.

La proiezione in corso è ribassista, ma le quotazioni sono molto vicine a livelli oltre i quali la tendenza virerebbe al rialzo.

Come dicevamo, quindi, la tendenza è ribassista e punta al I obiettivo di prezzo in area 35.428,31. Qualora, poi, le quotazioni dovessero rompere al ribasso questo livello il Dow Jones potrebbe andare a toccare area 33.904 (II obiettivo di prezzo). La massima estensione si trova in area 32.379,71 III obiettivo di prezzo.

L’inversione rialzista, invece, si concretizzerebbe con una chiusura giornaliera superiore a 36.513. In questo caso l’obiettivo più vicino si trova in area 37.927. Gli ulteriori eventuali obiettivi rialzisti sono indicati nel riquadro in rosso.

dow jones

S&P500

Il S&P500 (SP500) ha chiuso la seduta del giorno 12 gennaio a quota 4.726,35 in rialzo dello 0,28% rispetto alla seduta precedente.

La tendenza è saldamente rialzista, ma il prossimo ostacolo lungo la strada è particolarmente ostico. Coincide, infatti, con i massimi storici dell’indice. La violazione di questo livello, quindi, aprirebbe le porte al raggiungimento degli obiettivi indicati in figura.

Solo una chiusura giornaliera inferiore a 4.692,07 farebbe invertire al ribasso la tendenza in corso di breve.

S&P500

Nasdaq C.

Il Nasdaq Composite (NASDAQ Composite) ha chiuso la seduta del giorno 12 gennaio a quota 15.188,39 in rialzo dello 0,23% rispetto alla seduta precedente.

La tendenza è saldamente rialzista e punta al I obiettivo di prezzo in area 15.571,7. C’è, però, un aspetto che non va trascurato. Le quotazioni sono molto vicine al supporto in area 15.173,85. Una chiusura giornaliera inferiore a questo livello non implicherebbe necessariamente un’inversione ribassista, ma sicuramente sarebbe un segnale di debolezza.

Solo un chiusura giornaliera inferiore a 14.928,05 sancirebbe un’inversione ribassista. In caso contrario gli obiettivi rialzisti sono quelli indicati in figura.

nasdaq composite

 

Approfondimento

E se il frattale previsionale sui mercati azionari americani avesse ancora un volta ragione? Allacciare le cinture di sicurezza

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te