A Piazza Affari i colpi di scena potrebbero non essere finiti e oggi potrebbe arrivare quello più importante

A Piazza Affari ieri è andata in scena una situazione che presto potrebbe ripetersi. Ieri in apertura sono state lanciate due OPA, operazioni di pubblico acquisto. I dettagli si possono leggere in questa analisi degli esperti di ProiezionidiBorsa. Cattolica e Retelit sono schizzate in alto grazie a queste due operazioni.

Presto potrebbe accadere anche a Popolare di Sondrio. Da qualche settimana il titolo è in tensione. Da inizio febbraio i valori sono più che raddoppiati. L’azione è passata da 2 euro ai 4 euro della chiusura di ieri. Da quattro sedute i prezzi ballano attorno a questo valore e sembrano prepararsi a un nuovo balzo. Area 4 euro è una resistenza ostica. Il superamento di 4,2 euro porterà i prezzi verso il target dei 4,7 euro. Mentre al ribasso se i prezzi scendessero sotto 3,9 euro, caleranno in area 3,5 euro.

A Piazza Affari i colpi di scena potrebbero non essere finiti e oggi potrebbe arrivare quello più importante

Ma ieri in Borsa non sono saliti solamente Cattolica e Retelit. Accanto a questi due titoli si sono messi in mostra ancora una volta le azioni del settore del lusso. Ieri ha spiccato il volo Piquadro, che ha guadagnato oltre il 9%, Geox ha guadagnato quasi il 6%, Cucinelli il 5%. Piquadro dopo un lunghissimo movimento laterale durato 3 mesi, improvvisamente ieri è schizzata in alto. L’azione ha aperto a 1,9 e chiuso a 2 euro. Movimenti improvvisi di questo tenore, generalmente preludono a una nuova fase rialzista. Il titolo ha una resistenza importante in area 2,1/2,2 euro. Superato questo livello può portarsi fino ai massimi del 2019, a 2,6 euro. Solamente un ritorno dei prezzi sotto 1,95 euro desterà un allarme e metterà in dubbio una nuova possibile fase rialzista.

Ma a Piazza Affari i colpi di scena potrebbero non essere finiti e oggi potrebbe arrivare quello più importante. Ieri l’indice Ftse Mib (INDEX:FTSEMIB) ha chiuso praticamente invariato, ma durante la giornata ha realizzato il nuovo massimo dell’anno. La chiusura delle Borse anglosassoni (statunitense e inglese) per festività, ha limitato gli scambi e quindi ha frenato il rialzo. Oggi il Ftse Mib se superasse i 25.200 punti, potrebbe avvicinarsi, al massimo dei 25.483 punti fatto a febbraio dello scorso anno. Se l’indice andasse oltre, sarebbe una grande impresa perché il Ftse Mib realizzerebbe il massimo dall’ottobre 2008. Invece, al ribasso i prezzi non devono assolutamente scendere sotto i 25.000 punti, pena l’indebolimento dell’attuale fase rialzista di breve.

Approfondimento

Questa l’analisi multidays e il punto sui mercati internazionali dell’Ufficio Studi di ProiezionidiBorsa.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te