7 stili di arredamento tra cui scegliere per arredare casa con gusto e eleganza

Le giornate prendono avvio tra le mura domestiche e lì si concludono: sono in certo senso l’alfa e l’omega delle nostre 24 ore. Illustriamo allora 7 stili di arredamento tra cui scegliere per arredare casa con gusto e eleganza.

Gli stili evergreen

Partiamo anzitutto dagli stili d’arredamento più diffusi in assoluto tra le case degli italiani.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Lo stile classico ricorre a mobili in legno massiccio, dalle forme bombate e le linee morbide. Non mancano marmo e vetro a fare da sfondo a tutti gli ambienti della casa.

È in un certo senso differente dal precedente l’arredo classico-moderno. Nel senso che riprende il solco del primo ma lo rende uno stile senza tempo. Alcune idee possono aiutare a inquadrarlo meglio.

Possiamo ritrovarci una parete della camera da letto con una modernissima carta da parati. O arredata di tende eleganti ma monocolore e tassativamente prive di inserti e ricami vari. O da una bella scrivania in cristallo che faccia da contrasto all’ambiente.

In sintesi, questo stile risponde a poche parole-chiave: ordine, chiarezza di colori e di forme, zero fronzoli.

Lo stile contemporaneo e quello rustico

Nello stile contemporaneo le parole d’ordine sono leggerezza, eleganza, simmetria e purezza delle forme, nonché materiali innovativi. La mobilia è studiata infatti per essere funzionale e lineare, non per donare volume agli ambienti. In merito ai volumi degli arredi, infatti, essi risultano compatti.

Il design è studiato per essere pratico negli utilizzi, adattabili alle esigenze. Ma ricercato allo stesso tempo: l’impatto visivo deve infatti colpire l’osservatore.

Infine lo stile rustico, che in linea di principio abbonda tra le case al mare o in campagna (o nelle tavernette domestiche). Qui gli ambienti prediligono le tinte dai toni caldi come il giallo in tutte le sue tonalità: dal marrone chiaro, al rosso. Infine, abbonda il legno, anche allo stato grezzo e ruvido. Non devono mancare un camino o una stufa a legna.

Presentiamo 7 stili di arredamento tra cui scegliere per arredare casa con gusto e eleganza

Vediamo adesso alcuni stili costosi e insoliti rispetto agli standard d’arredo più diffusi.

Lo style Industrial è più diffuso tra negozi e locali commerciali: un barbiere, un negozio d’abbigliamento, etc. Parimenti fa sfoggio di sé nelle case più ricercate e non solo delle grandi città. Tratti distintivi: ampie pareti lasciate grezze, assenza di colori pastello. E ancora tavoli e superfici dalle tonalità indefinite e ruvide, presenza ricercata, e non casuale, dell’ acciaio, del ferro, della pietra, del cemento.

L’etnico è invece lo stile che da sempre conquista e affascina soprattutto i giovani (di spirito) e i viaggiatori. In questi tipi di arredo abbondano tre elementi: il colore, i materiali (legno, bambù, vetro, pietre, fibre naturali) e l’originalità. Non esistono regole fisse, ma tutto è in funzione dei gusti e dell’area geografica presa a riferimento (orientale, araba e africana su tutti).

Infine il vintage, che coniuga la possibilità di fondere proprie collezioni con un arredo e un oggettistica frutto del recupero. Dai mercatini dell’usato, infatti, è possibile estrarre tutta la bellezza e il fascino dell’arredo che fu.

Abbiamo quindi esposto 7 stili di arredamento tra cui scegliere per arredare casa con gusto e eleganza.  Infine, nell’articolo di cui qui il link illustriamo quanto costa arredare un appartamento.

Consigliati per te