6 consigli urgenti se quella insopportabile ansia, depressione, irritabilità e stress non ci danno tregua di notte, provocando seri disturbi del sonno

L’odierna vita frenetica induce a sostenere ritmi che talvolta diventano insostenibili per il corpo e per la mente. Le tensioni, incomprensioni, la fretta, come note stonate o onde ad alta frequenza, si ripercuotono, inevitabilmente, sulla nostra serenità. A lungo andare, quindi, ne risente tutto l’organismo e, uno degli aspetti solitamente più colpiti da ciò, è il sonno. Proprio al momento del tanto agognato riposo, infatti, andranno a convergere tutte le tensioni accumulate durante il giorno. Avremo, quindi, l’implosione di tutte le negatività, ansie, stress, preoccupazioni e quant’altro. Non a caso, i disturbi del sonno colpiscono moltissime persone, pregiudicando la qualità della vita e alterando le normali attività fisiologiche. Questo perché la mancanza di sonno o la sua scarsa qualità, possono causare stanchezza cronica, riduzione della concentrazione e irritabilità. Quando, poi, il problema diventa cronico, ne possono derivare effetti dannosi per la salute.

Fattori che incidono sui disturbi del sonno

Sul piano della quantità, cioè delle ore di sonno necessarie per vivere bene, la media è di 8 ore. Tuttavia, questo dato può variare, in quanto ci sono persone che si sentono riposate anche dormendo 5/6 ore. Altri, invece, hanno bisogno di 10 ore per sentirsi a posto. A fronte di siffatti dati, che presentano un margine di soggettività, arriviamo a capire quali potrebbero essere le cause dell’insonnia. Ebbene, essa potrebbe avere come origine disturbi dell’umore, depressione, ansia, disturbi della personalità. Tuttavia, alla base di tutto vi potrebbero essere anche delle patologie. Tra le tante possibili, abbiamo quella delle “gambe senza riposo”, una sindrome che implica un’intensa irrequietezza motoria delle gambe.

Oppure, causa di insonnia possono essere anche: malattie sistemiche, disturbi della tiroide, scompensi cardiaci, ipertensione arteriosa. In più, vanno annoverate cause esterne che possono incidere sulla capacità di prendere sonno, che sono: caffè, alcool, fumo. Poi, certamente, mangiare cibi pesanti e fare attività sportiva la sera, potrebbe ostacolare il riposo notturno. Veniamo, adesso alle 6 consigli urgenti da adottare se quella insopportabile ansia, depressione e stress, non ci danno tregua durante la notte.

6 consigli urgenti se quella insopportabile ansia, depressione, irritabilità e stress non ci danno tregua di notte, provocando seri disturbi del sonno

Se il disturbo del sonno non è cronico e non sta già comportando problemi di salute, possiamo adottare 5 rimedi che potrebbero aiutarci. Il primo passo è cercare di individuarne la causa e tentare di rimuoverla. Quindi, prima di rivolgersi allo specialista e, se necessario, iniziare una terapia farmacologica, è bene accertare se funzionino questi rimedi:

  • coricarsi e svegliarsi sempre alla stessa ora;
  • utilizzare la camera da letto solo per dormire e non anche per guardare la televisione, mangiare o fare altro;
  • ridurre il consumo di nicotina, caffeina e alcool;
  • svolgere esercizio fisico regolare, evitandolo però nelle 3/4 ore prima di coricarsi;
  • esporsi alla luce solare, che favorisce il corretto ritmo cardiaco;
  • all’occorrenza, utilizzare prodotti naturali che concilino il sonno, prima di andare a letto. Tra i tanti, abbiamo: melatonina, melissa, biancospino, camomilla, escolzia, iperico, valeriana, passiflora, luppolo, fiori d’arancio.

Questi i 6 consigli urgenti se dovessimo avere problemi con nostro sonno. Tuttavia, considerate le più serie possibili cause anzidette, sottese ai disturbi del sonno, se questi persistono, è consigliabile rivolgersi allo specialista.

Approfondimento

Per dormire sonni da faraone e godere di relax e distensione, ecco un perfetto mix di tisane

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te