5 titoli azionari che piacciono agli investitori nel settore della distribuzione e dei beni di consumo

Il mercato azionario sta avanzando nella speranza che la diffusione del COVID-19 inizi a rallentare seriamente. Sotto la superficie, alcune azioni stanno andando molto bene, e promettono di continuare a farlo. Quali sono i 5 titoli azionari che piacciono agli investitori nel settore della distribuzione e dei beni di consumo?

Walmart (NYSE:WMT), il più grande rivenditore al dettaglio del mondo, è stato una risorsa inestimabile per i consumatori, durante il lockdown, ovunque abbia sedi sul pianeta. I negozi hanno ridotto gli orari e hanno implementato regole sul numero di acquirenti che possono essere presenti in un negozio. Tuttavia, i clienti continuano a mettersi in fila ogni mattina per entrare. I fan di Walmart sanno che il titolo è meno una società di vendita al dettaglio di quanto sia una massiccia operazione di gestione dell’inventario. Poche aziende (o persino governi) hanno la portata e l’influenza di Walmart. Di conseguenza, i suoi titoli hanno retto molto meglio del resto del mercato. Attendetevi un altro impressionante rapporto sugli utili all’inizio di maggio.

Dollar General è stata molto popolare nell’America che si è dovuta allontanare a livello sociale. L’azienda ha limitato il suo orario di lavoro e, come Walmart, ha istituito un periodo di shopping per soli anziani. Gli affari sono in pieno boom. Recentemente, la società ha riportato il suo trentesimo anno di crescita delle vendite negozio su negozio annualmente. Fondamentalmente, molti negozi DG si trovano nell’America rurale, e il 75% degli americani vive nel raggio di sette miglia da un Dollar General. Questo è un grande esempio di tipo di business che sta aiutando gli americani vulnerabili a superare un momento difficile. Attendetevi il prossimo report sui ricavi intorno al Memorial Day (lunedì 25 maggio).

Altri dei 5 titoli azionari che piacciono agli investitori nel settore della distribuzione e dei beni di consumo

Grazie al lockdown globale, molte industrie sono state devastate, ma sembra che i biscotti Betty Crocker stiano sopravvivendo bene alla quarantena. Lo stesso vale per Cheerios, Yoplait, Lucky Charms edi i gelati Haagen-Dazs, tutte marche della General Mills. L’azienda è un grande esempio di azione difensiva, il che significa che la sua attività non è pesantemente legata al ciclo economico. La gente comprerà i Cheerios nella buona e nella cattiva sorte. Semmai, alcuni consumatori hanno aumentato il consumo, in questa fase, del cosiddetto “cibo di conforto”. General Mills non presenterà il proprio report trimestrale fino a fine giugno, ma Wall Street si aspetta che gli utili aumentino da 83 centesimi per azione a 96 centesimi per azione.

La Pepsi è un altro buon esempio di titolo azionario difensivo, che non solo sopravviverà, ma prospererà in questi tempi difficili. Ricordate che la Pepsi è molto più di una azienda di bibite. Essa possiede anche le patatine Lay’s, il Gatorade e i succhi Tropicana. L’azienda ha recentemente dichiarato che assumerà 6.000 lavoratori a tempo pieno, e fornirà maggiori benefici ai lavoratori statunitensi. La Pepsi si sta muovendo per rimanere davanti alla concorrenza. Il mese scorso ha annunciato l’acquisto di Rockstar Energy per 3,85 miliardi di dollari.

Infine, forse la migliore azienda di queste cinque, al momento, Colgate-Palmolive.

Molti investitori sono decisamente troppo veloci nel rifiutare investimenti “noiosi”. Ammetto che un’azienda di dentifrici possa non sembrare una grande scommessa, ma i fatti dicono il contrario. Naturalmente, essa è molto più. L’azienda possiede un’impressionante scuderia di marchi per la casa. Oltre ai due eponimi, Ajax, Fabuloso ed il cibo per animali Hill’s, tra gli altri. Da quando il titolo è sceso al minimo 45 anni fa, si è rivalutato parecchio. Se si includono i dividendi, allora la Colgate è cresciuta con un guadagno medio annualizzato del 16%. Per 45 anni. Fate voi. Come titolo noioso, non è male… Colgate-Palmolive ha anche aumentato il suo dividendo ogni anno per 58 anni consecutivi. Inoltre, il rendimento attuale è di poco superiore al 2,5%. Un buon affare, soprattutto in un’epoca di tassi d’interesse allo 0%.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te