4 titoli azionari americani sottovalutati del 50% che possono essere un affare

Quali sono 4 titoli azionari americani sottovalutati del 50% che possono essere un affare?

Ci sono opportunità di acquisto che gli investitori attenti possono sfruttare per ottenere redditi in questo momento e guadagni nel futuro. Le regole di distanziamento sociale e gli ordini di restare nelle proprie case hanno portato l’economia mondiale a una battuta d’arresto. Alla fine, la gente e i loro leader di governo crederanno che il pericolo sia passato, e si cercherà (e si è fatto) di aiutare a far ripartire l’economia. Nel frattempo, molti titoli hanno una grande resilienza a lungo termine e buone prospettive di ripresa e di ritorno a prezzi normali. Ne presentiamo alcune, che crediamo essere realmente a sconto per i valori che rappresentano a livello del proprio business. Ecco quindi 4 titoli azionari americani sottovalutati del 50% che possono essere un affare.

AbbVie (NYSE:ABBV) è una grande azienda farmaceutica, che è stata uno spin-off di Abbott Laboratories all’inizio del 2013. ABBV ha pagato un dividendo ogni trimestre, a partire da 1,60 dollari per azione al tasso annuale. Questo è salito a 4,72 dollari all’anno fino al 15 aprile 2020. Il tasso di crescita del dividendo annuale è stato di circa il 17%. Questa azienda continua a registrare una redditività significativa. ABBV non ha un prodotto diretto specificamente al nuovo coronavirus, o all’infezione da COVID-19, ma sta testando l’efficacia e la sicurezza di Kaletra/Aluvia (lopinavir/ritonavir), il suo agente antiretrovirale approvato utilizzato per l’HIV-1. Un ritorno alla sanità mentale del mercato azionario dovrebbe produrre una fascia di prezzo per il 2020 per le azioni tra i 124 e i 186 dollari. Quindi, a questi prezzi, il titolo è sottovalutato del 50%.

La Ford è un’azienda che non ha bisogno di presentazione.

Come tutti i titoli automobilistici, Ford sa che dovrà aspettarsi un primo trimestre disastroso. Ci sono diverse ragioni per credere che Ford sopravviverà. In primo luogo, sembra che la sana gestione dell’azienda, così com’era nel 2008, sia stata preparata per un disastro, anche se non potevano conoscere la natura o la gravità del problema attuale. All’inizio di aprile, l’azienda aveva circa 30 miliardi di dollari in contanti, e non aveva esaurito la sua capacità di indebitamento. Presumibilmente, la maggior parte degli acquirenti continuano a pagare le loro auto, il che significa che Ford dovrebbe essere in grado di riscuotere la maggior parte della quota corrente dei crediti finanziari a credito.

Secondo i calcoli  la società ha la liquidità necessaria per arrivare alla fine del terzo trimestre, anche nel caso in cui la produzione non sia ripresa. In secondo luogo, la Ford sembra far parte della comunità di imprese considerate “troppo grandi per fallire” dal governo statunitense. Senza dubbio non sarebbe in circostanze felici, ma un salvataggio di qualche tipo, se necessario, sembra molto probabile. In terzo luogo, non riuscendo a ricevere un salvataggio da parte del governo, il potenziale per un accordo privato, forse sulla falsariga dell’accordo Buffett/GE del 2008, sembra anche più probabile che sia disponibile, se necessario.

Dati i rapporti P/E medi della società, il titolo dovrebbe tornare ad essere scambiato in un intervallo compreso tra i 12 e i 15 dollari. A poco più di 5 dollari, con uno sconto del 125%, Ford è un affare.

Altri due dei 4 Titoli azionari americani sottovalutati del 50% che possono essere un affare

Valero è un raffinatore e distillatore che normalmente gestisce 15 raffinerie di petrolio e 14 distillerie di etanolo. In tempi normali, raffina circa 1,1 miliardi di barili di petrolio all’anno e produce circa 23,5 miliardi di litri di combustibile raffinato.

La società effettua dettagliate analisi di varianza tracciando i differenziali tra i prezzi dei vari prodotti al dettaglio e all’ingrosso e i costi delle materie prime. In tempi normali, VLO opera con un P/E di circa 11,1 volte. Quando l’azienda ritornerà alla redditività,  il titolo dovrebbe essere scambiato in un intervallo compreso tra 64 e 94 dollari per azione, ovvero il 54% più di oggi.

Wells Fargo è uno dei più noti istituti bancari americani, che data sin dai tempi della corsa all’oro del Far West. Come molte altre grandi banche, Wells Fargo è probabilmente nella categoria “troppo grande per fallire”. Quando la banca ritornerà alla sua normale redditività e crescita, questo potrebbe portare il titolo azionario da circa 47 a circa 59 dollari per azione.

Quindi rendendo il titolo un affare agli attuali prezzi a 29,99 dollari, cioè un miglioramento del 56,67%.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te