blank

3 titoli azionari sottovalutati fino al 50% da non comprare perchè pronti per ulteriori ribassi

Il rimbalzo odierno di Piazza Affari e  dei mercati internazionali non ha cambiato le sorti nè di breve termine e nè di lungo termine. La situazione  grafica  chiama ulteriori ribassi.

Prima di andare a classificare 3 titoli azionari sottovalutati fino al 50% da non comprare perchè pronti per ulteriori ribassi vogliamo fare un parallelo fra i grafici recenti dei mercati azionari ed il grafico del petrolio.

Nell’anno 2018 il petrolio formò una barra con tendenza ribassista e questa quindi proiettava con elevate probabilità nuovi minimi rispetto all’anno appena concluso. Il 2019 tentò un rimbalzo senza cambiare quella prospettiva. Poi sappiamo cosa è successo in questi giorni.

Crowfunding immobiliare: ROI operazione 11,25%, ROI ANNUO 9,00%! - Scopri di più »

Cosa c’entra questo con i mercati azionari?

Andiamolo a  capire. Il primo trimestre dell’anno per tutti i mercati azionari internazionali si è concluso con una tendenza ribassista. Al momento il mese di aprile si muove inside rispetto a quella candela. Questo significa che fino a quando non si tornerà stabilmente sopra i massimi dell’anno, i minimi segnati nel primo trimestre hanno elevata probabilità di essere rotti al ribasso.

Questo è uno dei motivi più importanti per cui continuiamo a sconsigliare acquisti inferiori ai  60 mesi sulle Borse mondiali.

Nella medesima situazione si trovano fra i tanti anche 3 titoli azionari sottovalutati fino al 50% da non comprare perchè pronti per ulteriori ribassi.

Quali sono quelli a cui ci riferiamo in quest’articolo?

Poste Italiane, Telecom Italia, Unipol.

Qual è il fair value di questi titoli in base al metodo del discounted cash flow?

Poste Italiane (MIL:PST) ultimo prezzo 7,568 fair value 11,24

Telecom Italia ultimo prezzo 0,3354 fair value 0,52

Unipol ultimo prezzo 2,84  fair value 4,83.

Andiamo ad analizzare le tendenze.

Poste italiane: fino a quando non si assisterà ad una chiusura mensile superiore a 9,93 l’obiettivo è posto verso area 4,35/3,60.

Telecom Italia: fino a quando non si assisterà ad una chiusura mensile superiore a 0,59 l’obiettivo è posto verso area 0,18.

Unipol: fino a quando non si assisterà ad una chiusura mensile superiore a 4,60  l’obiettivo è posto verso area 2,26/1,69.

Si procederà per step.

Scopri Plus500
Scopri Plus500
Bridge Asset
Bridge Asset

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.